di Maria Luigia Giusto

Semel in anno dicevano gli antichi: una volta all’anno è permesso fare, o almeno pensare di poter fare, tutto. Che occasione il carnevale! Basta una maschera sul volto a nascondere i tratti e tutto diventa possibile: per i sottoposti dirgliene quattro ai capi, per chi ha ruoli istituzionali dimenticare il politically correct (ma talvolta accade già…), per i timidi innamorati dichiararsi senza timori. Le sirenette diverrebbero fanciulle, le rane possenti buoi, i topi di campagna topi di città, per un giorno. Poi tutto tornerà come prima, ciò che è stato sarà chiuso nel baule del tempo e dimenticato. Per fortuna! O forse è un peccato.

“Oggi è scirocco giallo di coriandoli, già verzica la scorza, in capriole vanno nubi arlecchine”
Maria Luisa Spaziani

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Privilegi del loggione
LA FOTONOTIZIA
Carnevale alla corte degli Este
LA FOTONOTIZIA
Chi si nasconde dietro la maschera?
Kevin Spacey e la morte del pubblico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi