Home > PARTITI & DINTORNI > Alan Fabbri (ln): «Noi e la lega consumatori continueremo a batterci per far prevalere il diritto degli “azzerati” carife»

Alan Fabbri (ln): «Noi e la lega consumatori continueremo a batterci per far prevalere il diritto degli “azzerati” carife»

Da Lega Nord

Incontro aperto agli azionisti Carife alla sala 2000 di Bondeno

La battaglia per sostenere e arrivare ad un risarcimento concreto di tutti gli “azzerati” Carife, messi in ginocchio dal decreto “Salva banche”, continua. Anche se forse il termine giusto sarebbe ora “cancellati”, dal momento che dall’estratto conto titoli sono state cancellate le vecchie azioni della banca. Dunque, virtualmente, queste persone per la nuova Carife non esistono. La Lega Nord, anche per questo, ha organizzato di concerto con la Lega nazionale dei Consumatori di Ferrara un nuovo ciclo di incontri. Si ripartirà da Bondeno, dalla sala 2000, giovedì 14 settembre (alle ore 21). «Perché, anche se tanto è stato fatto, sono ancora troppi i risparmiatori che non hanno avuto alcuna forma di risarcimento, dopo i disastri del Pd, del Governo e del suo consigliere economico, Luigi Marattin, che continua a parlare a sproposito, senza offrire vie d’uscita», tuona il capogruppo regionale della Lega Nord, Alan Fabbri. «Quando tutto sembrava perduto nel 2015 – ricorda Fabbri – siamo andati controcorrente, riportando almeno gli obbligazionisti ad avere un risarcimento minimo. Con anche l’istituzione di un fondo regionale – raddoppiato nel bilancio di quest’anno – per rimborsare le prime spese legali dei danneggiati da Carife». Con la Lega Consumatori, invece, si sono creati punti di ascolto e consulenza gratuiti, in cui poter ascoltare un parere diverso da quello della banca. Ma tutto questo non basta, assicura Fabbri: «In quanto gli azionisti di Carife sono stati trattati diversamente da quelli di altri istituti di credito “salvati” dai vari governi a guida Pd. Ci sono quasi 30mila persone ancora escluse da ogni forma di risarcimento e che sono ben rappresentate dalla signora Giovanna Mazzoni, zittita in malo modo da Matteo Renzi, durante il suo consueto monologo alla Festa dell’Unità di Bologna. Una vergogna». Ad ogni modo, mentre il Partito Democratico continua a promettere fantomatici “Patti per il territorio”, come quello annunciato dal sottosegretario Morando, nell’ormai lontano aprile del 2016, Alan Fabbri prosegue lungo il proprio cammino. Molto resta da fare, ma «i risultati ci stanno dando ragione e non ci arrenderemo finché tutti saranno risarciti dopo gli errori della sinistra». Due i temi in agenda per giovedì sera: «Approfitteremo di questo incontro per fare il punto con i risparmiatori – avverte il presidente della Lega Consumatori di Ferrara, l’avvocato Enrico Scarazzati – sui rimborsi forfettari per gli obbligazionisti subordinati, attraverso l’apposito fondo. In secondo luogo – continua – parleremo del processo penale che si aprirà il 20 per i vertici del gruppo, i dirigenti della banca e gli organi di controllo, per capire il percorso da attuare per costituirsi parte civile: costi, come organizzarsi e possibilità di recuperare soldi persi». All’incontro di giovedì sarà presente anche il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini, che porterà il saluto dell’amministrazione e relazionerà a proposito delle ricadute sul territorio del caso Carife.

Commenta