Home > COMUNICATI STAMPA > Apertura gite Cai: croda da lago e tofana di Rozes. Club Alpino Italiano – Sezione di Ferrara

Apertura gite Cai: croda da lago e tofana di Rozes. Club Alpino Italiano – Sezione di Ferrara

Da organizzatori

Croda da Lago: rifugio Palmieri
Domani sera, martedì 18 luglio, presso la sede CAI in Viale Cavour 116, i direttori di gita Gianna Tebaldi e Daniele Poli apriranno le iscrizioni alla gita denominata Croda da Lago: rifugio Palmieri, prevista per martedi’ 15 agosto.
Il rifugio Croda da Lago, indiscusso paradiso naturale, è situato alla base dell’imponente versante orientale della Croda da Lago, nelle immediate vicinanze del lago Fedara, uno dei più suggestivi delle Dolomiti.
La comitiva partira’ nei pressi del Passo Giau scendendo e poi risalendoper immettersi nell’impluvio della val Formin.
Dopo una sosta per ammirarela conca di Cortina e le sottostanti guglie del Becco d’Aial, si giungera’ in val Negra e da li’ al rifugio Palmieri. Il ritorno avverrà per il medesimo percorso fino alla val Formin, poi per mulattiera alla località Pazzie de Parù.
La partenza in pullman e’ prevista alle 6 dal piazzale Dante Alighieri e il rientroattorno alle 21.

Sotto la Tofana di Rozes e ferrata Lipella
Domani sera, martedì 18 luglio, presso la sede CAI in Viale Cavour 116, i direttori di gita Leonardo Caselli, Tiziano Dall’Occo e Camilla Scardovelli apriranno le iscrizioni alla gita denominata Sotto la Tofana di Rozes e ferrata Lipella, prevista per il 26 e 27 agosto.
La Tofana di Rozes è situata tra Cortina e il passo Falzarego e domina sulla val Travenanzes. Il versante ovest è percorso da uno dei più noti percorsi attrezzati delle Dolomiti, la ferrata Giovanni Lipella, di cui ricorre nel 2017 il 50°anniversario dalla sua apertura.
Mentre la comitiva escursionistica percorrerà i sentieri a sud della Tofana di Rozes, per salire poi alla cima del Col dei Bos, le due comitive di ferratisti conosceranno vari aspetti della zona: dalla risalita della galleria del Castelletto all’attraversamento di tutta la parete ovest su cenge naturali fino al superamento di gradoni rocciosi, mai troppo difficili sino alle tre dita.
Qui ha inizio la parte più impegnativa della ferrata che, risalendo ulteriormente la parete con tratti verticali, alcuni strapiombati e sempre esposti, termina alla base della cuspide della cima della Tofana di Rozes. In funzione del tempo impiegato e delle condizioni della cima, è opzionale la salita alla vetta.
La partenza in pullman e’ prevista alle 6 dal piazzale Dante Alighieri e il rientroattorno alle 23 del giorno successivo.

Commenta