Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti: l’arte della pizza made in Italy è diventata patrimonio immateriale dell’umanità

Coldiretti: l’arte della pizza made in Italy è diventata patrimonio immateriale dell’umanità

Soddisfazione di Coldiretti per la decisione dell’UNESCO nel riconoscere e tutelare uno dei cibi che più rappresentano l’Italia nel mondo. Raccolte due milioni di firme, migliaia anche a Ferrara per manifestare la condivisione dei cittadini verso questo riconoscimento.

La pizza genera un business di 12 miliardi di euro in Italia dove sono almeno 100 mila i lavoratori fissi nelsettore della pizza, ai quali se ne aggiungono altri 50 mila nel fine settimana, secondo i dati dell’Accademia Pizzaioli. Ad affermarlo è un’analisi della Coldiretti divulgata in occasione dell’inserimento dell’“Arte dei Pizzaiuoli napoletani” nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco.

Ogni giorno solo in Italia – ricorda la Coldiretti (www.coldiretti.it) – si sfornano circa 5 milioni di pizze nelle circa 63mila pizzerie e locali per l’asporto, taglio e trasporto a domicilio, dove si lavorano in termini di ingredienti durante tutto l’anno 200 milioni di chili di farina, 225 milioni di chili di mozzarella, 30 milioni di chili di olio di oliva e 260 milioni di chili di salsa di pomodoro.

Nata a Napoli, la passione per la pizza – continua la Coldiretti – è diventata planetaria, con gli americani che sono i maggiori consumatori con 13 chili a testa mentre gli italiani guidano la classifica in Europa con 7,6 chili all’anno, e staccano spagnoli (4,3), francesi e tedeschi (4,2), britannici (4), belgi (3,8), portoghesi (3,6) e austriaci che, con 3,3 chili di pizza pro capite annui, chiudono questa classifica.

La tutela della pizza conferma la leadership italiana nell’enogastronomia che ha un valore storico e culturale comparabile a quello dei monumenti e opere d’arte. Una risorsa importante anche in vista dell’appuntamento del 2018 – continua la Coldiretti – proclamato anno internazionale del cibo italiano nel mondo. L’Italia del resto – evidenzia Coldiretti – è l’unico Paese che può contare su un patrimonio di antiche produzioni agroalimentari tramandate da generazioni in un territorio unico per storia, arte e paesaggio che sono le principali leve di attrazione turistica. Lo testimonia il primato – sottolinea la Coldiretti – delle 292 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 523 vini Docg/Doc/Igp, ma anche la leadership in Europa con quasi 60mila aziende agricole biologiche.

“L’Italia e il suo futuro sono legati alla capacità di tornare a fare l’Italia anche nell’offerta turistica, imboccando intelligentemente la strada di un nuovo modello di sviluppo che trae nutrimento dai punti di forza che sono il proprio patrimonio storico ed artistico, il paesaggio e il proprio cibo”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di un patrimonio anche culturale che l’Italia può oggi offrire con orgoglio sul palcoscenico mondiale anche grazie alle nuove tecnologie”.

Soddisfazione esprime anche Coldiretti Ferrara, ricordando le iniziative che nel corso di alcuni anni hanno portato a raccogliere anche nel nostro territorio migliaia di firme a sostegno della richiesta di riconoscimento UNESCO, nei mercati contadini, nelle iniziative in piazza in collaborazione con pizzerie storiche ferraresi, nei nostri uffici, evidenziando il valore anche per la nostra provincia di una certificazione di eccellenza per un cibo che ci riporta all’autentico made in Italy e che può essere realizzato con prodotti made in Italy e made in Ferrara, come la farina e la passata di pomodoro.

Commenta