Home > INCHIESTE & ANALISI > ALTRI SGUARDI > Con il Festival Bonsai semi di teatro nel Quartiere Giardino

Con il Festival Bonsai semi di teatro nel Quartiere Giardino

“Fin da quando siamo nati come Associazione, le mura e le quinte del teatro ci sono state un po’ strette, ma abbiamo piuttosto cercato di creare un flusso di persone che entrano ed escono dal teatro, interrogandoci anche su come si crea nuovo pubblico”, sottolinea Giulio Costa di Ferrara Off. Ed ecco allora sabato 7 e domenica 8 ottobre 2017, per le strade del Quartiere Giardino di Ferrara il Festival di microteatro Bonsai: un esperimento di teatro diffuso, un tentativo di fruizione non convenzionale per spazi, pubblico e durata.
Organizzato dall’associazione culturale Ferrara Off e Progetto Píndoles di Barcellona, patrocinato dal Comune di Ferrara e sostenuto dalla Regione Emilia Romagna, il Festival è parte del progetto ‘Giardino Creativo’ finanziato da Anci, che sostiene la creatività giovanile a favore della riqualificazione sociale, economica e culturale di questa zona della città.
Ne abbiamo parlato con Giulio Costa, responsabile produzione e distribuzione di Ferrara Off.

Come è nata la collaborazione con Progetto Píndoles e l’idea di portare il microteatro a Ferrara?
Abbiamo conosciuto Progetto Píndoles di Barcellona due o tre anni fa perché una dei suoi fondatori, Giulia Poltronieri, è ferrarese di origine. Ci ha sempre raccontato che il microteatro, nato in Argentina e diffuso in tutto il Sud America, genera molto interesse anche a Barcellona e in generale in Spagna.
Ci interessava portarlo a Ferrara perché il microteatro è nato dalla necessità di ridurre i costi, riducendo appunto durata, il numero di attori e il pubblico di una pièce, ma questo ha permesso di mantenere in un certo senso più vitale il linguaggio teatrale. Il nostro spazio in viale Alfonso però non ci convinceva del tutto e così abbiamo approfittato dell’occasione del progetto ‘Giardino creativo’ per portare il teatro in una zona della città che il teatro non ce l’ha. Non volevamo limitarci a prendere un format spagnolo portandolo qui da noi, ma adattarlo agli spazi del Quartiere Giardino.

Da dove deriva il titolo ‘Bonsai’?
Lo abbiamo scelto perché come i bonsai sono alberi sottoposti a un ridimensionamento che non ne altera la natura, così gli spettacoli di microteatro mantengono tutte le caratteristiche e la coerenza interna di un normale spettacolo, condensate però in quindici minuti e pensate per un numero ridotto di spettatori.

Perché fare teatro fuori dal teatro e perché farlo in forma ridotta?
Ci interessa andare verso gli spettatori, farli entrare ancora di più in contatto con le performance e gli attori. La durata ridotta a 15 minuti è uno strumento per far avvicinare chi non va a teatro, chi non conosce il teatro, per facilitare la fruizione.
Questo Festival è in tutto e per tutto un esperimento: perché è alla sua prima edizione, per gli spazi dove si svolgerà, per le modalità con la quale gli spettacoli andranno scena, in diverse repliche durante tutto il pomeriggio.

Come avete selezionato gli spettacoli di sabato e domenica pomeriggio?
In realtà sabato è una sorta di anteprima, con tre spettacoli peculiari per diversi motivi.
‘Lettere anonime per un camminatore’ è una creazione site-specific e anche se non rientra appieno nei canoni del microteatro non abbiamo voluto rinunciarvi perché ci è sembrato rispecchiasse bene l’obiettivo di riprendere a guardare il Quartiere Giardino con un altro sguardo. ‘Giro solo esterni con aneddoti’ è una nostra produzione che abbiamo ripreso e in questo modo mettiamo in scena cosa è per noi il microteatro. Con la ‘Venere nera’ de Il baule volante, invece, abbiamo voluto coinvolgere in questo esperimento un’altra compagnia cittadina.
I sei spettacoli selezionati dal bando nazionale che avevamo pubblicato andranno ‘in scena’ domenica pomeriggio. Sono arrivate più di 120 candidature, alcune anche dall’estero, Ferrara Off e Progetto Píndoles hanno fatto una prima scrematura e poi abbiamo chiesto a una giuria mista di esperti e nuove generazioni – composta dalla drammaturga Margherita Mauro, dal direttore artistico della Fondazione Teatro Comunale Claudio Abbado, Marino Pedroni, e dal direttivo della neonata webradio Giardino – di selezionare sei lavori anche tenendo conto della diversificazione dei linguaggi che volevamo fosse una caratteristica di questa rassegna. Per questo ci sono danza, videoteatro, teatro di narrazione, una performance sonora e un monologo: è un festival multidisciplinare.

Pensate già a una seconda edizione?
Sì, per questa prima edizione abbiamo cercato di non strafare, proprio per la natura sperimentale della rassegna. Stiamo però pensando a come poter aumentare gli spettacoli, ampliare il numero dei luoghi dove svolgerli e poi vorremmo che ci fossero anche inediti.

A fine ottobre come Ferrara Off avete in programma poi un altro appuntamento, di nuovo fuori dal teatro…
Sì, si tratta di ‘Monumenti aperti’: un progetto che punta sulla formazione delle nuove generazioni alla conoscenza e alla trasmissione del nostro patrimonio artistico e culturale cittadino. Stiamo svolgendo percorsi negli istituti di primo e secondo grado perché i bimbi diventino guide per gli adulti e li accompagnino a visitare monumenti già aperti al pubblico, ma anche alcuni di quelli solitamente non visitabili. È un’iniziativa nata in Sardegna oltre vent’anni fa con ‘Imago Mundi’: quei bimbi ormai sono cresciuti. Si svolgerà il 28 e 29 ottobre ed essendo in concomitanza con l’esposizione su Bononi a Palazzo Diamanti non poteva essere che sul Seicento e sul Barocco, solitamente poco frequentati dai ferraresi. Fra i monumenti chiusi, saranno visistabili San Carlo e San Giuliano, e poi Santa Maria in Vado, Palazzo Bonaccossi e tanti altri.

Tutte le info sul Festival Bonsai e la mappa del teatro diffuso sul sito www.bonsai.it

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Fratello e sorella insieme nelle lunghe notti in Alaska
LA RECENSIONE
Sogliole con le ali
L’ANTICIPAZIONE
Internazionale e Teatro Nucleo portano la città nel teatro-carcere di via Arginone
La giacchetta del monsignore

1 Response

  1. Pingback : Sogliole con le ali