COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Consegnate in Regione all’assessore alla Scuola, Patrizio Bianchi, le firme raccolte dal “Comitato Scuola e Costituzione”

Consegnate in Regione all’assessore alla Scuola, Patrizio Bianchi, le firme raccolte dal “Comitato Scuola e Costituzione”

Calendario scolastico. Consegnate in Regione all’assessore alla Scuola, Patrizio Bianchi, le firme raccolte dal “Comitato Scuola e Costituzione”. Oggi il tema sarà nuovamente affrontato in Giunta

Bianchi: “Ringrazio il Comitato per il lavoro di partecipazione di cui queste firme sono un segno evidente. Decideremo assieme a tutta la Giunta, sentita la Conferenza regionale del sistema formativo, nella massima serenità come è sempre stato fatto. Tenendo conto degli interessi complessivi dell’intera comunità”

Bologna – Una raccolta di firme che dimostra il grado di partecipazione e di attenzione delle famiglie verso il sistema educativo. E che, nella seduta di oggi pomeriggio, sarà portata all’attenzione della Giunta, per un ulteriore approfondimento sul tema del calendario scolastico.

Così si è espresso questa mattina l’assessore regionale alla Scuola, Patrizio Bianchi, che ha ricevuto in Regione per la consegna delle firme (5.800) alcuni rappresentanti del Comitato promotore della petizione, “Scuola e Costituzione”, tra cui il segretario Bruno Moretto.

“Ho accolto la richiesta di un incontro per ricevere personalmente queste firme- ha affermato l’assessore- e ringrazio il Comitato per il lavoro compiuto, che dimostra quanto sia elevato, in Emilia-Romagna, il livello di attenzione e partecipazione delle famiglie al sistema formativo. Nella riunione pomeridiana della Giunta- ha aggiunto l’assessore- porterò e illustrerò le ragioni di questa petizione, finalizzata a consentire alle attività didattiche tempi distesi lungo l’arco dell’intero anno scolastico. Poi- ha concluso Patrizio Bianchi- con la massima serenità decideremo insieme, sentita la Conferenza regionale del sistema formativo, nell’interesse complessivo dell’intera comunità”. /EC

Commenta