Home > IL SETTIMANALE > n.27 del 12/05/17 > COLONNA1_27 > CULTURA
L’arte di catturare la bellezza. Dall’Argentina a Ferrara: le fotografie di Judith Balari

CULTURA
L’arte di catturare la bellezza. Dall’Argentina a Ferrara: le fotografie di Judith Balari

Judith viene dalla Terra del sole. Non solo perché è nata in Argentina e l’Italia è la sua seconda casa, ma perché i suoi occhi e il suo sorriso sprigionano una luce ed un’energia contagiose. Un’empatia che sa trasmettere anche attraverso lo sguardo di un obiettivo, tanto che le modelle dei suoi ritratti appaiono rilassate, accoglienti, raggianti. Proprio come l’autrice delle fotografie. Judith Balari ha il dono di riuscire a catturare la bellezza. C’è da perdersi tra le centinaia degli scatti di Judith (www.juzaphoto.com): immagini che incantano, che infondono un senso di profonda meraviglia. Fotografie che spaziano dai paesaggi sterminati – si pensi ai suoi ‘Landascapes’, tra i quali spiccano ‘Frozen blue’, oppure ‘Over The Clouds’ – al miracolo minuscolo di ‘una famiglia di gocce’ (‘The drops’ family’).E ancora fiori sorprendenti, bambini che giocano con le bolle di sapone: colori vivaci imbevuti di luce. Reportage di viaggio, natura e architettura, con un occhio attento a cogliere il particolare, il ricamo, la dolcezza, l’armonia. Immagini spontanee accanto a studi più ricercati, come ‘Keeping the balance’, immagine surreale e poetica al tempo stesso: in equilibrio sui tacchi e sul filo di un binario, la figura sensuale di una donna oscilla tra un ombrello e il bacio dei papaveri rossi. Occhi chiari e profondi, capelli biondi, lunghi e ribelli, Judith Balari è insegnante di inglese, parla tre lingue, ha amici di ogni continente: insomma è una cittadina del mondo. In quanto artista, poi, parla un linguaggio universale. Quello delle emozioni.

Keeping the balance

Puoi raccontarci un po’ della tua storia?
Il mio amore per le immagini è cresciuto nel corso degli anni. La devozione per la natura (e per la sua interpretazione) la devo a mia madre, Olga, dotata di talento artistico nel disegno e nella pittura. Da piccola sono cresciuta fra i pennelli, le tele, i quadri e l’odore di trementina. Quando sulle riviste vedevo delle immagini che mi colpivano, le ritagliavo e facevo un collage da appendere nella mia stanza. Ero affascinata dagli sguardi, dai colori, dai paesaggi: mi stendevo sul letto e, guardandoli, viaggiavo con la mia mente. A quindici anni ho cominciato a collezionare la National Geographic Magazine; ricordo che arrivava dall’America un giorno al mese: ogni volta era come aprire una scatola di cioccolatini, ogni pagina era un viaggio in un mondo lontano, ogni immagine accendeva il mio desiderio di essere una fotografa professionale. Lì ho conosciuto Steve Mc Curry: vedere e leggere i suoi reportage di viaggio per me era entrare in un mondo di avventure

Tu come ti senti: argentina o italiana?
Io mi sento argentina, anche se abito in Italia da tanti anni, il mio cuore e là, nella Terra che mi ha visto nascere. L’Argentina la porto nel cuore ovunque io vada. Sono italiana, per adozione, da 5 anni ormai e abito a Ferrara. Questa è la Terra dei miei antenati: tutti i miei bisnonni erano italiani, partiti dall’Italia prima del ventesimo secolo

Come hai ‘incontrato’ la fotografia?
Che cosa rappresenta per te? Ho iniziato a fotografare molti anni fa, in Argentina, quando mio padre ha regalato a mio fratello e me la nostra prima macchina fotografica, una Nikon Fe. Avevo 19 anni. A quei tempi non era solo una ‘camera’ qualsiasi, era una super camera ed io ho iniziato ad amarla dal momento in cui l’ho avuta fra le mani. Da allora la fotografia è diventata una grande passione: il mezzo perfetto per esprimere i miei veri sentimenti. Quando ho iniziato a fotografare, ho capito subito che si trattava di una forma d’arte che mi avrebbe permesso di esprimere il mio mondo interiore, proiettandolo sulla realtà che mi circondava. Sono continuamente alla ricerca di quei momenti magici, quando la luce perfetta abbraccia la natura in tutta la sua gloria. Ma non mi soffermo solo davanti a un paesaggio, amo fotografare i fiori, la gente, il cibo, l’architettura, l’arte in tutte le sue forme

C’è un’immagine alla quale sei più affezionata?
No, non credo. Ma ci sono delle immagini fatte nei miei viaggi che mi portano indietro nel tempo e per questo mi fa piacere rivederle, cosi respiro quell’istante, quell’emozione che ho sentito tempo fa. Una fotografia, un profumo, un odore: sono come macchine del tempo. La fotografia è anche questo…è magica!

Chi ti ha insegnato di più nella vita?
I miei genitori: quello che sono, lo devo a loro. Da mia madre ho ‘bevuto’ la sua arte, e lei, anche se manca da parecchio tempo, è il mio photoshop più aggiornato. Mi ricordo quando mi insegnava a mescolare i colori. Mi diceva “nel dipinto devono esserci luci ed ombre, così ottieni profondità”: far sembrare una immagine tridimensionale è solo una questione di luci, chiare ed scure, tutto lì. Passavamo delle ore osservando i libri dei grandi maestri della pittura. Lei mi ha insegnato a dipingere, colori ad olio ed acquarello: insieme dipingevamo fino alla sera e ci facevamo le critiche a vicenda… La pittura mi ha aiutato molto nella composizione dell’immagine fotografica

Quali difficoltà hai incontrato?
Credo che la più grande difficoltà sia stata trasferirmi in Italia. È stato molto difficile, all’inizio, molto…. ho riflettuto quanto avevano sofferto i miei antenati lasciando l’Italia per andare a vivere in Argentina, dall’altra parte del mondo. E mi sono detta: “Se loro ce l’hanno fatta, perché io no?” Grazie a Dio, il popolo italiano mi ha ricevuto a braccia aperte e questo non lo dimenticherò mai

Quali soddisfazioni hai raccolto?
Ho partecipato a tante mostre collettive, con il Fotoclub Ferrara, così come a presentazioni personali dei miei lavori di fotografia. Da due anni collaboro con alcune ditte Italiane, ad esempio con Food Photography, una categoria di fotografie alla quale mi sono veramente appassionata: non è facile, e richiede tanto tempo, scattare una fotografia che faccia venire l’acquolina in bocca. Vedere le mie immagini in mostra, in fiere internazionali, in grande formato, mi dà una grande soddisfazione. Inoltre sono stata invitata a partecipare a una mostra in una Galleria d’Arte accanto a nomi importanti della fotografia mondiale: è stato un piacere e un onore

A chi ti ispiri nella tua arte? Chi è il tuo autore preferito?
Per me la foto deve essere come un quadro, se si tratta di un paesaggio penso alla luce degli impressionisti, se è un ritratto a Caravaggio,… Ho amato e amo due grandi della fotografia francese: Henri Cartier-Bresson e Robert Doisneau. Quelle fotografie scattate durante e dopo la guerra mi hanno toccato il cuore. Credo che il mio amore per la fotografia sia iniziato quando ho scoperto questi autori e il loro modo di vedere il mondo. Oltre ad essere fotografa, sei insegnante di inglese

Ti piace insegnare? Perché?
Insegno da oltre 30 anni. Da piccola amavo fare la maestra: quando avevo tre anni mi sedevo su un tappeto nella mia stanza e mettevo le bambole sedute come se fossero in aula….tutte le mie bambole andavano alla mia scuola! Sono fortunata a svolgere un lavoro che amo profondamente e che mi ha dato mille soddisfazioni. Insegno lingue da una vita, sono professoressa di inglese, in Italia ho insegnato in scuole private per tanti anni, poi all’Università Popolare di Ferrara e Inglese Scientifico all’Università degli Studi di Ferrara, nella Facoltà di Medicina. Ma insegnare fotografia – al Fotoclub Ferrara e al CAI, Club Alpino Italiano – è stata una delle soddisfazioni più belle

Che cos’è per te la vita? La vita …che cos’ è?
La vita è un lungo viaggio, da condividere, da sperimentare, è come un viaggio in treno, ho letto una volta, con fermate e destinazioni diverse… la vita va vissuta pienamente e io ringrazio Dio per tutte le opportunità che mi ha regalato in questo lungo percorso, ma soprattutto le persone che mi ha fatto conoscere in ogni posto visitato.
Come dice la grande Violeta Parra in “Gracias a la vida”… “Grazie alla vita che mi ha dato tanto/ mi ha dato due soli, che quando li apro/ perfetto distinguo il nero dal bianco/ e nell’alto cielo lo sfondo stellato/ e in mezzo alla folla l’uomo che io amo”
Grazie!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Punto di non ritorno?
mertens
Dries Mertens, la mia maglietta per l’Africa