IL CACCIATORE DI LEGGENDE
Uno scozzese in Perù

SEGUE CAPITOLO II – Uno scozzese in Perù Dopo l’arrivo degli europei in America Latina, le leggende sul litofago, le numerose testimonianze e le tracce rinvenute tra le varie raffigurazioni delle culture precolombiane incuriosirono un gran numero di studiosi e di avventurieri. Molti archeologi e naturalisti spesero gran parte delle loro risorse nell’intento di verificare la reale esistenza di questa...
Leggi tutto

IL CACCIATORE DI LEGGENDE
Una curiosa creatura

Davvero credete che la scienza vi abbia svelato tutto del pianeta su cui camminate? Davvero pensate che sulla Terra non esistano più creature sconosciute, aliene, o luoghi ancora inesplorati, misteriosi? Io dico che c’è ancora moltissimo da scoprire… Oltre i confini del sapere ci sono cose inaspettate, strabilianti. Esseri e posti capaci di mettere in discussione le più elementari certezze. Come oggi,...
Leggi tutto

Lei è pazzo!

di Giovanni Samannà “Lei è pazzo” – le parole uscirono quasi biascicate dalla bocca del padrone. Senza forza. Tanto era incredulo davanti al vuoto che gli si era parato innanzi, dopo che aveva aperto le porte del furgone per levarsi il dubbio assurdo che gli era venuto. Dentro era letteralmente sgombro. Nulla, se non un bancale di legno e due...
Leggi tutto

Secrétaire

di Maurizio Olivari L’unico mobile che aveva trattenuto dal vecchio arredamento di famiglia, era un piccolo secrétaire “Umbertino” di noce piemonte costruito alla fine ‘800, un gioiello che era stato il vanto di suo padre, acquistato da un rigattiere e a suo dire, facendo un grande affare. Anche se usato, il mobile si presentava ancora molto bene con la ribaltina...
Leggi tutto

Bip il salvatempo

di Maurizio Olivari Sono Bip , il “salvatempo” che abita con un gruppo di tipi elettronici, dentro un marsupio, all’ingresso di un supermercato. Tutti ben allineati in file orizzontali, veniamo a turno sorteggiati, quando il cliente passa la tessera nel selezionatore. Fare il salvatempo è un duro mestiere, ad iniziare dall’impulso elettrico che ti arriva nelle parti basse, quando vieni...
Leggi tutto

La fola delle rane allegre

di Giuseppe Pederiali C’era una volta un macero, uno di quegli stagni artificiali che i contadini usavano per macerarvi la canapa, e sopravvissuti oggi come cimeli e come minuscoli brandelli di palude, in rappresentanza delle antiche valli padane, quando l’acqua e la terra si contendevano la supremazia, alternate a selve e campi coltivati. Attorno ai maceri crescono cespugli ed erbe...
Leggi tutto

Il tempo delle piccole cose

di Carla Sautto Malfatto L’aveva sempre considerata una cosa normale, e ancora lo credeva. Ma non sapeva che ne avesse il sentore di uno strappo, un cordone ombelicale ancora reciso, e che le mordesse nello stomaco come un vuoto fisico, alimentare. Per questo teneva la porta della stanza chiusa, la tapparella abbassata. Per non vedere l’assenza delle tante cose che...
Leggi tutto

La scelta
Un racconto di Carla Sautto Malfatto per la “Giornata Mondiale Onu delle Vittime della Strada”

di Carla Sautto Malfatto La luce schietta di ottobre, fuori dalla finestra chiusa, stampa lunghe strisce abbaglianti sulle tendine. Sono disteso sul letto, a casa, l’arto operato bloccato in un tutore, dolorante. Quando mi accadde l’incidente, mi sembrò di piombare improvvisamente in un limbo. Ero lucido, riverso sull’asfalto, il ginocchio e la gamba frantumati da un’auto. O meglio, dalla colpevole...
Leggi tutto

I fiori di adesso

di Carla Sautto Malfatto Sono sempre con me, i miei morti, più vivi che mai. Un esercito che mi protegge, mi sostiene. Con alcuni, i più vicini, parlo. Loro rispondono nella mia testa. Qualche volta mi bacchettano. Di solito, mi fanno compagnia. Li immagino nella loro veste umana migliore. Li sogno, ancora più belli. Non li tocco più, ma loro...
Leggi tutto

Di piacere in piacere: il derby Bologna-Spal del 1958

di Michele Balboni “Dai, dai che tra poco inizia la trasmissione”. Due clienti armeggiano attorno al voluminoso apparato radiofonico posto nel salone. Si ode un cinguettio. “Ecco, ecco, siamo sintonizzati…” Girando la grossa manopola sono riusciti a connettersi alla frequenza che trasmette da circa tre mesi un programma molto apprezzato dagli appassionati del pallone: ‘Tutto il calcio minuto per minuto’....
Leggi tutto

La scatola dei sorrisi

di Maurizio Olivari Era stata una bella serata di musica, molta gente che ballava felice e Patrizio aveva suonato e cantato le canzoni che più gli piacevano. Capitava poche volte. Di solito con la sua band si doveva suonare musica di liscio romagnolo, balli di gruppo e vecchie canzoni anni 60, per ottenere scritture nelle balere della zona. Quella sera...
Leggi tutto

Il lavasecco

di Maurizio Olivari Apertura ore otto, orario continuato fino alle ore diciannove. Domenica chiuso. Sempre uguale, da quando con mio marito abbiamo aperto un laboratorio di lavasecco e stireria. Trentacinque anni di camicie, pantaloni, gonne, giacche, maglioni , praticamente il guardaroba famigliare. Prima di iniziare, abbiamo valutato la zona della città che era meno servita da una simile attività, fino...
Leggi tutto

Il burka

di Cesare Bornazzini Dovete sapere che mia moglie ha il sangue dolce. Almeno così dicono di quelli che sono particolarmente appetiti da zanzare, tafani, vespe, calabroni, pappataci e da non so quali altri insetti che con noi coabitano. Dovete anche sapere che mia moglie possiede una villetta al Lido di Spina, un luogo dove noi umani siamo, dalla natura, considerati...
Leggi tutto

Inno alla vita

di Carla Sautto Malfatto Apro gli occhi. Buio. Una luce a taglio d’alba filtra dalla tapparella appena alzata. Un gallo strozzato canta. Silenzio. Non sento nulla. Di dolore, intendo. Mi chiedo se la gente si accorge di quanto tempo passa senza avvertire un dolore, si accorge di questo miracolo. Come non fosse temporaneo. Come non fosse cosa di cui gioire....
Leggi tutto

LE STORIE DI MONDODISOTTO
Seconda storia: il segreto dell’Oculino e la Grotta del Cristallo Arcobaleno

Pietro e Oculino si erano conosciuti a casa di Mastro Formigallo, e quella sera tutto successe per caso, o quasi. La verità è che Mastro Formigallo ospitava l’Oculino Fissatore contro la sua volontà, sebbene il piccolo intruso se ne stesse confinato in cima alla torre senza nulla pretendere dal padrone di casa se non il potersi rintanare in quel discreto...
Leggi tutto