COMUNICATI STAMPA
Home > ALTRI SGUARDI > FERRARA, EUROPA > Girotondo danzando con il Balletto di Stato Accademico Igor Moiseyev

Girotondo danzando con il Balletto di Stato Accademico Igor Moiseyev

Moiseyev Ballet 4Si sono esibiti a Expo 2015, all’Open Air Theatre di Milano, con volteggi acrobatici e quasi rocamboleschi e bellissimi vestiti colorati (per vedere le foto di quell’evento clicca qui). Allora, come sempre, avevano presentato una selezione del proprio ricchissimo repertorio di balli folcloristici, che conta più di 300 fra danze popolari, miniature coreografiche e balletti. Già nel luglio 2011 avevano danzato, sempre a Milano, al Teatro degli Arcimboldi (mancavano dalle scene milanesi dal 1994). Un successo indiscusso in entrambe le occasioni. Parliamo del famoso Igor Moiseyev Ballet, il Balletto di Stato Accademico, intitolato al celebre coreografo russo, che abbiamo visto il qualche giorno fa alla maestosa Tchaikovsky Concert Hall di Mosca. Il balletto, che è stata la prima compagnia russa a esibirsi in tutto il mondo, è stato fondato da Igor Moiseyev nel 1937, dopo aver scritto una lettera al braccio destro di Stalin per proporre proprio la creazione di un balletto di danze popolari. La sua proposta è stata accolta e ne è seguito il benestare alla nascita del Balletto Accademico di Danze Popolari. Il 10 febbraio di quello stesso anno, Moiseyev, nato a Kiev nel 1906 e formatosi alla scuola di coreografia del Teatro Bolshoi – di cui divenne anche primo ballerino – ha riunito circa 40 ballerini in uno studio sulla via Leontievsky a Mosca, giunti da compagnie amatoriali di tutto il Paese, e con il supporto di alcuni professionisti del Bolshoi e di altre grandi compagnie classiche di balletto. Dal 1940 però, la compagnia ha la sua base alla Tchaikovsky Concert Hall.

Moiseyev Tchaikovsky Theatre

Moiseyev Tchaikovsky Theatre

Col passare degli anni, e con l’accrescersi del prestigio della sua compagnia, Moiseyev aprì alla creazione di coreografie per danze popolari di tutto il mondo, non solo russe, e tra i paesi scelti ci fu anche l’Italia. La sua fama è stata riconosciuta in tutto il mondo (viene considerato come uno dei maggiori coreografi della danza del XX secolo) e nel giorno del suo centesimo compleanno, festeggiato al Teatro del Palazzo del Cremlino di Mosca, ha ricevuto omaggi da parte delle autorità russe e da Putin in persona. Vincitore di numerosi premi per il suo contributo all’arte nel mondo, questo unico coreografo ha ricevuto, fra gli altri, la medaglia Mozart dell’Unesco per “l’eccezionale contributo alla cultura musicale mondiale” e il premio per “l’eccezionale contributo allo sviluppo delle relazioni culturali tra gli Stati Uniti e la Russia”, onore accordato solo ad altri due grandi artisti: il pianista Van Cliburn e il violoncellista Mstislav Rostropovich. Il maestro è morto a Mosca nel novembre 2007, all’età di 101 anni, lasciando i suoi balli in eredità al mondo.
Il vasto repertorio, eseguito negli anni in oltre 60 paesi, include danze da tutto il mondo. Nella serata di Mosca, intitolata alla jewish suite “gioia di famiglia”, in onore del pezzo finale dedicato a una festa per un matrimonio ebraico, i danzatori hanno regalato al pubblico un bellissimo viaggio intorno al mondo in danza: una coloratissima danza russa dedicata all’estate, una simpatica danza rumena (“Briul”), una tatara (“Tatarochka”), un magnifico sirtaki greco, un balletto comico moldavo (“Tabakeryaska”), una sfilata di marinai, una tarantella siciliana (“la carretta”), fantastiche danze messicane, un travolgente spettacolo di gaucho argentini, per concludere con la simpatica scenetta ebraica. Purezza della danza, atletismo, ironia, simpatia, gioia solare di vita, ottimismo, potere della luce e della vita. Pubblico in delirio. Un tripudio di emozioni.

Igor Moiseyev Ballet, Str. Tverskaya 31/4, p.1, 125009 Mosca, Tel. +7 (495) 699-53-72, email: info@moiseyev.ru

http://www.moiseyev.ru/afisha/in-moscow/

Fotografie di Simonetta Sandri

Commenta

Ti potrebbe interessare:
C’era una volta il vento della pace
What is this shit?
La Russia post-sovietica in mostra
A zonzo per Mosca