Home > INTERVENTI > I grandi Media internazionali mandanti “morali” della strage islamica di Manchester (e post Manchester) Manifesto

I grandi Media internazionali mandanti “morali” della strage islamica di Manchester (e post Manchester) Manifesto

Da Azione Futurista Ferrara

Nonostante persino il “reazionario e xenofobo” Donald Trump non … ha alcun problema a parlare a Riad ai principali leader musulmani dei Paesi Arabi, patteggiando pragmaticamente per il futuro una alleanza contro il terrorismo islamico, a Manchester con ogni probabilità (chi esulta nel mondo alla faccia di certo andazzo europeo e negazionista?) ennesimo attentato alla civiltà, al termine di un concerto pop, con molte giovani e giovanissime vittime. Implosione subito confermata dai nuovi attentati Isis di Londra… Nonostante la stessa first lady Melania era a Riad senza alcun velo, mentre le corrispondenti del TG in Iran, a differenza di una certa a suo tempo Oriana Fallaci, trasmettono velate, i grandi media anche italiani basti leggere la solita Repubblica finanzocratica e germanofila/eurofila… continuano con le loro diversamente fake news, minimizzando, giustificando nei fatti la verità verosimile.
Ogni commento ormai è superfluo, quando gli attentati di Manchester e Londra (attinente comunque visto che da qualche anno siamo in Europa come si dice e la Brexit stessa inglese non ancora operativa sul serio…) segue di pochissimo l’incredibile propaganda promigranti a prescindere di Milano, ex capitale del Futurismo, la grande Milano futurista e tradizionale e poi della Moda, oggi, visti circa centomila ingenui o in malafede o semplicemente ritardati sinaptici pronti a celebrare Milano nuova capitale di Eurabia in Italia! Solo un commento probabilmente sempre più diffuso nell’opinione pubblica e nei popoli europei, da Londra, a Stoccolma, l’altra Milano… La strage di Manchester e quella relativamente minore di Londra hanno anche dei mandanti morali: l’Unione Europea, l’intellighenzia buonista e radical chic internazionale, i grandi Media braccio armato di Eurabia ormai, anche i centomila di Afro Milano.
La strage di Manchester ha già segnalato anche probabilmente un punto di non ritorno nella percezione Reale dell’insicurezza anche in Italia: non a caso la pop star Ariana Grande ha sospeso il tour in corso in GB e anche le date italiane in programma ( a parte il Concerto a più pop star per la memoria e una virtuale resistenza). E ‘stato colpito un simbolo del libero Occidente (piaccia o meno), il mondo del pop e la sua icona generale da molti anni globale, l’arte dei giovani e del futuro per eccellenza. Già in Francia un attentato tristemente noto al Bataclan durante un concerto ma altra dinamica complessiva.
Brevemente, poco da stare allegri soprattutto quando probabilmente questa Europa e i suoi governi e i suoi Media collusi continueranno a fare la Bella Addormentata e gli struzzi, nonostante siano cronaca le previsioni distopiche di Oriana Fallaci, Magdi Allam, Theo Van Gogh di ieri e quelle attuali di Onfray, Houllebecq, Sansal, Adonis, occidentali e arabi stessi evoluti e altri.
Ancora più inquietanti le previsioni constatando l’assoluta maggioranza delle nuove generazioni, che, nonostante in questo caso le potenzialità controculturali e contromediatiche di Internet, sembrano meri automi reificati tutti pronti a inchinarsi alle litanie del politicamente e culturalmente corretto, convinti che il Corano letterale sia solo un libro religioso semi innocuo e che fanno i pappagalli del falso radical chicchismo internazionale, europeo e italiano ancora nostalgico dell’utopia alternativa all’orrido Capitalismo e all’Orrido Occidente senz’anima! (anche vero, ma altra questione e comunque nessuna alternativa al Tecnocapitalismo se non più umanizzato e ottimizzato)….
Nuove generazioni? Anziché attivisti veteromilitanti per la diversità sessuale e il femminismo esasperato, quando ormai molti diritti e percezioni anche sociali sono francamente concreti, proprio gay e donne dovrebbero essere in prima linea contro il pericolo integralista islamico e le ambiguità oggettive del fenomeno migrante! Un velo pietoso, visto che in fondo gli piace, per la Chiesa di Roma con la sua Mitologia dell’accoglienza indiscriminata. Perché saranno proprio i gay ecc. e le donne, i primi a svegliarsi “tragicamente” come tutt’oggi testimonia ogni paese musulmano, quando Eurabia, probabile disegno anche ingenuo folle di nuovi equilibri geopolitici tra la finanzocrazia europea germanica e quella stessa arabo musulmana (e l’America ancora potente di Obama-H. Clinton effetti collaterali) – la svendita dell’Europa mediterranea, Italia in primis, sarà non solo un vento attualmente contaminante l’esistenza quotidiana in Italia, ma vera e propria colonizzazione anche nei costumi e lo stile di vita (come anche proprio l’incredibile falso allarme a Torino con oltre 1000 feriti durante la finale della Juventus in Champions già tristemente dimostra).

“…il potere della finanza apatride è sempre dietro, direttamente od indirettamente, alla lotta senza sconti attuali, ove gli antichi nemici sotto forme nuove sono il globalismo da una parte e l’identitarismo dall’altra..”.

Commenta