Home > IL DOSSIER SETTIMANALE > COPERTINA DEL DOSSIER > IL DOSSIER SETTIMANALE
La grande bellezza dell’Italia fra sfide e opportunità

IL DOSSIER SETTIMANALE
La grande bellezza dell’Italia fra sfide e opportunità

Le cifre contenute nel rapporto “Future of jobs”, pubblicato lo scorso gennaio dal World Economic Forum, raccontano quanti posti di lavoro si perderanno nei prossimi anni a causa della rivoluzione industriale in corso e come cambieranno le competenze richieste. Purtroppo per l’Italia queste cifre non dicono nulla di buono: meno 48% posti di lavoro tra il 2015 e il 2020. Effetto di una skill distruption – distruzione di competenze – i cui effetti saranno devastanti a livello globale in settori come il credito e la finanza, la mobilità, i servizi professionali, l’energia, i consumi.

skills2020

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Eppure a voler guardare bene nelle cifre del rapporto del Wef c’è anche la speranza di una soluzione. Scorrendo la classifica delle competenze più utili nei lavori di domani, al terzo posto troviamo la creatività. Una dote che l’Italia possiede e che è già all’opera nel nostro paese, come emerge da un altro rapporto, che analizza il nostro settore culturale e creativo: “Io sono cultura. L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi” elaborato per il sesto anno consecutivo da Fondazione Symbola e Unioncamere e presentato nel giugno 2016.

Da questo documento emerge quanto il sistema Italia debba a cultura e creatività: il 6,1% della ricchezza prodotta nel 2015 nel nostro paese, pari a 89,7 miliardi di euro. Inoltre il sistema produttivo culturale e creativo italiano ha un effetto moltiplicatore di 1,8: ciò significa che per ogni euro prodotto, ci sono quasi due euro di ricchezza in più, arrivando a muovere nell’insieme 249,8 miliardi, equivalenti al 17% del valore aggiunto nazionale. Un dato comprensivo del valore prodotto anche da quella parte dell’economia che beneficia di cultura e creatività e che da queste viene stimolata, a cominciare dal turismo: più di un terzo della spesa turistica nazionale, esattamente il 37,5%, è attivata proprio da cultura e creatività.

Una ricchezza che si riflette in positivo anche sull’occupazione: il solo sistema produttivo culturale e creativo dà lavoro a 1,5 milioni di persone, il 6,1% del totale degli occupati in Italia.

Questa settimana il dossier estivo è dedicato al nostro enorme patrimonio culturale e paesaggistico, la chiave del nostro successo, e a chi tutti i giorni cerca di valorizzarlo, pur tra mille difficoltà, usando tutta la propria creatività. Perché non c’è Uber che potrà toglierci la Reggia di Caserta e non c’è Amazon che potrà uccidere la nostra manifattura di qualità.

La grande bellezza – Leggi il sommario

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Oltre i Cento Passi contro l’indifferenza e la rassegnazione
BORDO PAGINA
Andrea Rossi: intervista allo storico ferrarese controculturale doc
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
La nuova mappa della cultura
DIARIO IN PUBBLICO
Carlo Bassi e la cultura ferrarese