Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Il fascino senza tempo di Piazza Ariostea

Il fascino senza tempo di Piazza Ariostea

di Francesca Ambrosecchia

Il sole sta tramontando. Non si sente più la musica provenire da alcuni gruppetti di ragazzi o le urla dei bambini che si rincorrono.
Il sole è sparito, si intravede la sua luce solo oltre i tetti delle case che circondano la piazza e la temperatura inizia ad abbassarsi.
Piazza Ariostea si è praticamente svuotata: è strano, diverso ma anche bello vederla così.
Forse perché è senza dubbio uno dei luoghi di maggior ritrovo della nostra città: pullula di persone di tutte le età, da chi decide di camminare lungo il suo ovale a chi si siede sull’erba o sulla famosa statua dell’Ariosto, a chi vi si trova solamente di passaggio. Lo stesso Biagio Rossetti, suo architetto, l’aveva concepita come punto di incontro dell’Addizione Erculea e questo lo è tutt’ora. Si trattava di un punto molto strategico per i commerci poiché concepito come collegamento tra la città vecchia e quella nuova.
Molto probabilmente, la vita al suo interno tornerà nel post-cena: nella piazza che nel gergo giovanile è conosciuta come “P.Rio”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La denuncia di Yusuf: “Io cittadino nigeriano condanno chi sta rovinando il Gad”
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Di orti, giardini e dei germogli delle idee
BORDO PAGINA
Guerrini e la poesia: “C’è bisogno di sperimentare per alimentare un pensiero differente”
PERSONAGGI
Ostinato e contrario, lo strano caso di Roby Guerra poeta futurista