COMUNICATI STAMPA
Home > AVVENIMENTI > IL FATTO
“Niente fumo, tutto Ariosto”: e i ragazzi si prendono cura della piazza

IL FATTO
“Niente fumo, tutto Ariosto”: e i ragazzi si prendono cura della piazza

niente-fumo-tutto-ariosto

“Bambini, pronti a giocare?”. Tutto è stato sistemato in tempo e, megafoni alla mano, gli scout richiamano i giovanissimi presenti in piazza Ariostea, per divertirsi e al tempo stesso insegnare quanto sia importante eliminare i rifiuti di tutti i giorni nel modo corretto. Sono le quattro di un caldo pomeriggio e gli scout del Ferrara A3 stanno ultimando la preparazione dei vari punti di gioco sistemati nel centro della piazza Ariostea, scelta dai ragazzi come luogo ideale per la giornata perché simbolo della città e luogo di cui prendersi cura.

niente-fumo-tutto-ariosto

I ragazzi del gruppo scout A3 e i bambini mentre giocano con materiali di riciclo

“La scelta è ricaduta su questa piazza perché è un luogo che anche noi frequentiamo, soprattutto il sabato sera, e ci si siamo resi conto che non tutti si preoccupano dello stato in cui la lasciano a fine serata. La domenica mattina si notano le tracce lasciate la sera prima ed è un peccato, anche perché ci sono i cassonetti per la raccolta differenziata a lato della piazza e, con un poco d’attenzione, sarebbe facile lasciare questo luogo pubblico pulito e vivibile per tutti”:
I più giovani del gruppo A3, ragazzi dai 15 anni in su, volevano realizzare un progetto che sensibilizzasse i cittadini e fosse utile anche per i bambini, che permettesse di giocare tutti insieme e di imparare che tanti oggetti possono avere una seconda vita. “Spesso i minorenni non possono partecipare ai progetti, per questo ci siamo rivolti al Comune e, insieme all’Urban Center, abbiamo ideato questa giornata. Abbiamo scelto di dividerci in vari settori, ognuno con un metodo diverso d’apprendimento, ma tutti basati sull’idea che per imparare e interiorizzare qualcosa, bisogna farla divertendosi”.

niente-fumo-tutto-ariosto

Si costruiscono strumenti musicali

Infatti ogni gruppo di scout, circondato da bambini sorridenti, ha progettato angoli con materiali e idee differenti: con carta di giornale colorata e buste di plastica per alimenti si possono realizzare piccoli origami e meduse svolazzanti e se la stessa carta di giornale l’appallottoliamo, colorata di rosso, sarà perfetta per un tiro al bersaglio, in cui si dovrà colpire l’umido, la carta, la plastica o il vetro. “Non sempre sappiamo con certezza dove vanno buttati i rifiuti,- mi racconta Giulia – quindi abbiamo realizzato questo gioco in cui i bambini devono lanciare la loro palla colorata sul bersaglio in cui pensano andrà l’oggetto che noi gli diremo”.
Mentre parlo con Giulia e Silvia, si iniziano a sentire fischi e cinguettii, infatti gli scout della postazione vicina sono impegnati nella realizzazione di strumenti musicali, fatti interamente di materiali riciclati, come bottiglie, tubi e cannucce, tutti scarti recuperati, puliti e, per i più piccoli, già tagliati dai capo scout. Superando il muro delle idee, fatto di scatoloni, su cui chiunque può lasciare una loro riflessione, un commento o un consiglio, arrivo alla sezione dedicata agli scatti del concorso fotograficoNiente fumo, tutto Ariosto“, dove Arianna sta appendendo le ultime stampe.


” Abbiamo deciso di dedicare questo spazio alle foto del concorso, sia alle tre vincitrici che alle altre partecipanti, tutte immagini che mostrano una Ferrara bella, pulita e piena di storia. Non tutte le immagini mostrano solo gli aspetti positivi, ce n’è una in particolare che mostra un angolo vicino il grattacielo, in cui le rastrelliere per le biciclette sono decorate e bellissime, ma dimenticate. Vogliamo sensibilizzare chi, abituato alla città, non ne apprezza più tutta la bellezza e non ne vede i dettagli lasciati alle intemperie e alla rovina del tempo. I tre vincitori del concorso, scelti per il numero di “mi piace” ottenuti sulla nostra pagina Facebook, verranno premiati qui alle 18.30. I premi sono stati offerti dalla gelateria La Sorgente del Gelato, che offrirà un chilo di gelato al vincitore, mezzo chilo al secondo classificato e due coni al terzo.”
Man mano che il tempo passa, scout di altri gruppi arrivano in piazza, per partecipare alla giornata organizzata dai loro amici, e i bambini realizzano i loro piccoli oggetti, corrono in giro con le mani sporche di tempera e ascoltano con attenzione gli scout che gli mostrano come differenziare tutto ciò che non serve più.

La giornata ha avuto luogo nel pomeriggio di domenica 19 in Piazza Ariostea.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
genitori
Bambini autonomi oggi, cittadini consapevoli domani
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Persi nel bosco
Il linguaggio dei bambini ci parla di noi
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Religione, dialogo, ragione