Home > ACCORDI - il brano della settimana > Il sogno di mio padre

Burt Bacharach mi accompagna spesso nelle mie faccende domestiche, non c’è musica migliore per rilassarsi e abbandonarsi ai ricordi. Come questo di qualche tempo fa…

Stavo sognando quando sentii bussare alla porta. Andai ad aprire, era mio padre!
Era ringiovanito, ben vestito con una camicia bianca e una giacca di lino beige. E mi sorrideva.
Io lo guardai senza riuscire a dire una parola, quanto tempo era passato. Poi pensai: “E’ vero… è soltanto un sogno!”
Lo feci entrare, lui mi guardava divertito e insieme andammo in cucina.

Così continuai a fare quello che stavo sognando… In effetti è difficile ricordarsi i sogni… comunque sì, stavo pelando delle pesche mature, le avrei poi affettate per farci la macedonia… adoro le pesche… avete presente quando una pesca è matura al punto che riesci a pelarla con le dita?
Mio padre stava in piedi di fianco a me e osservava l’operazione, poi disse: “Devono essere dolci e pure buone… quasi quasi ne mangerei una!”
“Tieni papà!”, gli allungai quella che avevo appena finito di pelare.

La prese e, con un sorriso affettuoso, sentenziò: “La pesca, quando è matura, è il frutto più buono di tutti!”, poi iniziò a mangiarla di gusto, come se non mangiasse da anni. Ventidue anni, per la precisione, da quando se n’era andato.
Ben tornato papà…. Quanto avrei voluto dormire ancora!

Raindrops Keep Falling On My Head (Burt Bacharach, 1969)

This Guy’s in Love with You (Burt Bacharach, 1968)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’Esercito delle 12 scimmie
Tropical blend… cocco, salsedine e crepuscolo nei Caraibi
Un’estate per sempre
La via traversa dell’aquila bianca