Home > COMUNICATI STAMPA > La Compagnia InScena Corrado Abbati presenta “Gigì, innamorarsi a Parigi” al Teatro De Micheli a Copparo

La Compagnia InScena Corrado Abbati presenta “Gigì, innamorarsi a Parigi” al Teatro De Micheli a Copparo

Da Comune di Copparo

Appuntamento con l’operetta giovedì 16 novembre alle ore 21 al Teatro Comunale De Micheli: la Compagnia InScena Corrado Abbati presenta “Gigì, innamorarsi a Parigi”,musical di Alan Jay Lerner su musiche di Frederick Loewe, nella nuova produzione in esclusiva nazionale.

Nella Parigi del primo ‘900 vive e, nonostante qualche annetto, si diverte ancora il gentiluomo Honoré Lachaille, fido consigliere del suo ricco e raffinato nipote Gaston che, annoiato dalla vita, dal lusso, dalle tante donne, passa molto del suo tempo a casa di madame Alvarez, da lui chiamata affettuosamente “Mamita” con la quale vive la nipote Gilberte, soprannominata Gigì, una spensierata e precoce adolescente. Mamita è molto protettiva e attenta verso la ragazza e, seguendo la tradizione di famiglia, la manda dalla raffinata sorella Alicia per essere educata come cortigiana e farle imparare le buone maniere. Per zia Alicia l’amore e la ricchezza sono una sicurezza per il futuro della nipote Gigì. La ragazza inizialmente non capisce perché le viene fatto imparare tutto questo ed è impacciata e disinteressata…

Gigì è l’omonimo famoso racconto di Colette trasportato in musical dagli stessi autori di My Fair Lady (A. J. Lerner e F. Loewe) e coperto da molti riconoscimenti, tra cui nove premi Oscar. La storia è dolce e romantica, piena di buoni sentimenti e di arguta ironia. A sessant’anni dalla nascita (1958), questo musical è statoi riportarlo in Italia e per la prima volta nella sua versione originale, valorizzandone lo spartito. Una partitura raffinata, gradevole, allegra e orecchiabile e mai banale: Loewe con poche pennellate musicali ci riporta con straordinaria arguzia alle atmosfere parigine di primo ‘900. Altro punto di forza di questo musical è il lusso dell’ambientazione e lo sfarzo dei costumi in una rielaborazione immaginifica e con quel tocco di classe che sottolinea da tempo le produzioni Corrado Abbati.

Per informazioni: 0532 864580, www.teatrodemicheli.it

Commenta