Home > IL SETTIMANALE > n.08 del 15/12/16 > Cultura8 > La Madonna della Misericordia di Piero della Francesca in mostra a Milano

La Madonna della Misericordia di Piero della Francesca in mostra a Milano

di Maria Paola Forlani

Piero della Francesca_Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia di Piero della Francesca

Piero della Francesca è protagonista, fino all’8 gennaio 2017, in sala Alessi di Palazzo Marino con uno dei massimi capolavori del Rinascimento proveniente dal Museo Civico di Sansepolcro “La Madonna della Misericordia”.

“Apre essa il gran manto azzurro svelandone così il grande rovescio scarlatto e formandone, ad un tempo, un padiglione amplissimo a contenere i devoti, a proteggerli. S’inginocchiano costoro intorno al fusto vermiglio, disposti in libero emiciclo, tranquilli sotto la torre che li sovrasta di una tale gigantessa africana, sicuri anzi sotto il colonnato di pieghe. Nella grande struttura di questa Vergine è il segno di una nuova e impassibile umanità, ma anche di una nuova architettura, ché nel vano di questo mantello già si respira l’aria di un nicchione Bramantesco e della Scuola di Atene
Roberto Longhi, Piero della Francesca, 1927

Molte sono le ragioni che rendono questo appuntamento e questa mostra, a cura di Andrea di Lorenzo, (catalogo Skira) denso di significati.
Innanzitutto il valore assoluto dell’opera che è uno dei capisaldi del Rinascimento italiano oltre a essere la prima opera documentata di Piero della Francesca. Si tratta in effetti dello scomparto centrale del polittico della Misericordia, realizzato da Piero per la Confraternita della Misericordia di Sansepolcro. Una recente e impegnativa campagna di restauro ha riportato il polittico, oggi ricostruito nel Museo Civico di Sansepolcro nel suo assetto originario, prima che venisse smembrato.

“Salve Regina Mater Misericordiae”, con queste parole inizia il celebre canto mariano del IX secolo attribuito al monaco Ermanno di Reichenau o, come propendono alcuni studiosi, a san Bernardo, devotissimo alla Vergine.
Nel 1221 lo adottarono per primi i domenicani ponendolo obbligatoriamente come ultima preghiera della giornata, nell’ora di compieta, seguiti successivamente dai cistercensi, dai certosini e via via dalle altre congregazioni fino alla sua diffusione nella Chiesa universale.
Nel secolo XIII nasce una forma per rappresentare il patrocinio di Maria: è quella di porre le figure dei protetti, generalmente di proporzioni più piccole, sotto il manto della Vergine. In uno degli Oratori della Blacherne si conservava un maphorion (velo) che la tradizione diceva esser appartenuto a Maria. Ma l’idea di porre sotto il manto i fedeli nacque nelle Confraternite italiane del Duecento, i cui membri si impegnavano a fare opere caritative. Costoro avendo scelto Maria come loro patrona, non trovarono di meglio che farsi rappresentare sotto il manto di lei. Così infatti rappresenta i Confratelli il sigillo di una Confraternita Romana del 1250. E dalle Confraternite della Misericordia derivò il nome di una nuova composizione: La Madonna della Misericordia. E in ossequio al Vangelo, che vuole si faccia il bene senza farsi vedere.

polittico-bd

Nel gennaio del 1445, la Compagnia della Misericordia di Borgo Sansepolcro affida a Piero della Francesca l’esecuzione di una pala (un complesso polittico formato da ventitrè tavole) per l’altare della chiesa, stabilendo nel contratto i colori da usare, la quantità d’oro da impiegare per il fondo, e l’impegno da parte dell’autore di controllare l’opera per un decennio per correggere eventuali danni causati dal procedimento misto di tempera e olio usato da Piero sull’esempio di Domenico Veneziano.
L’opera, che doveva essere terminata nel 1448, viene conclusa più tardi con l’intervento di assistenti in alcune zone.
La Madonna della Misericordia – nella classica rappresentazione della Vergine Maria che apre il mantello per dare riparo ai fedeli secondo la tradizione medioevale della ‘protezione del mantello’ – corona anche a livello iconografico la conclusione dell’Anno dedicato al Giubileo della Misericordia.
Allo stesso tempo l’opera è emblematica della modernità della ricerca artistica che per lo studio della prospettiva e della Divina proporzione, fa di Piero della Francesca un “gigante” del Rinascimento italiano.
Una corona presa a prestito dal Beato Angelico cinge il capo della Vergine, lasciando scoperta l’enorme fronte ricurva; dal velo che ne ricade sporgendo le orecchie dal profondo gheriglio; fronte e orecchie da bonzo, più che da fanciulla.
La sua veste è una tunica da convessa, con ammirabili pieghe; il manto sotto cui ricovera i fedeli sembra una cupola muraria: uomini e donne sono entrati dalla strada, con i loro abiti da passeggio. I diversi ordini sociali vi sono esemplificati con cura: la monaca e il confratello incappucciato, la signora e il gentiluomo, il magistrato e la popolana. Quest’ultima veste uno scialletto di lana pelosa triangolare che doveva essere abituale in casa dei Franceschi. Notevolissime, specie delle donne, le diverse espressioni della preghiera. Nel complesso è gioco di vicinato, ove tutti si sono travestiti per un ruolo sacro. Eppure non vi è nulla di profano, nulla che disturbi l’attenzione: una religiosità plebea, ma grande, domina ovunque.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Kevin Spacey e la morte del pubblico
macchina da scrivere
DIARIO IN PUBBLICO
Le parole, la scrittura, i fatti
L’arte… bellezza eterna e incomprensibile!
Un angolo di Barocco in città