Home > INTERVENTI > La memoria corta del capo dello Stato

La memoria corta del capo dello Stato

Da Paolo Giardini

Il Giorno della Memoria comporta la periodica fioritura annuale di pubbliche recriminazioni. Giustamente. Perché la vergogna nazionale delle leggi razziali grida vendetta.
Per una strana prassi, l’incombenza commemorativa non è assegnata a storici preparati e ai pochi Testimoni ancora viventi ma resta a carico delle autorità, cioè dei politici in carriera ai vertici delle istituzioni. Già, i politici. Gli esperti di niente, unica cosa di cui sanno tutto. Possono parlarne per ore, in profluvi di retorica.
Nei giorni scorsi ci si è messo anche Mattarella a straparlare: «Il fascismo non ebbe meriti, le leggi razziali sono macchia infamante». Geniale l’imbeccata offerta a Casa Pound! Con l’autorevole accostamento di una sciocchezza ad una verità, s’è fatto un gran servizio alla chiarezza!
Che bisogno c’era di contestare meriti mai smentiti dai fatti? Per quanto rozzi, i neofascisti difficilmente ignorano quello che Mattarella dimentica: l’AGIP (l’origine dell’ENI) nacque nel 1926; INPS, INAIL, IRI e almeno una dozzina di altri organismi di pubblica utilità furono fondati negli anni ‘30; l’INAM (il nome iniziale della sanità pubblica, oggi chiamata S.S.N.) nel gennaio del ‘43. Le fondamenta dello stato sociale sono così fascisticamente senza merito che, salvo il togliere la F presente nelle sigle, hanno continuato il servizio fino ad oggi senza soluzione di continuità. Si provi a fare un paragone di merito con la Cassa del Mezzogiorno fondata nel 1950 …

Così anche questa volta è andata buca: nessuna autorità ha precisato che le nefandezze di massa succedono quando si è obbligati a rispettare tutte le leggi, anche le più idiote. Con l’avvertenza che non è necessario essere fascisti per creare leggi-feticcio. L’unico vero obbligo di ciascuno è quello di dare udienza alla propria coscienza, non a ciò che sta scritto o non scritto nella Costituzione.
«Le misure persecutorie messe in atto con le leggi razziali favorirono l’ignobile lavoro dei carnefici delle SS.» ha aggiunto Mattarella, dimenticandosi ancora qualcosa: che dopo il 25 luglio ‘43 si liberarono gli antifascisti, si abbatterono dappertutto i fasci littori, ma contestualmente gli elenchi nominativi degli Ebrei e loro recapiti rimasero negli archivi delle Questure, nonostante gli appelli di personalità israelite che chiedevano di distruggerli. E da quegli archivi, zelanti burocrati italiani li trassero solo per consegnarli alle SS. Il dettaglio non è per nulla trascurabile, caro Presidente.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi