Home > COMUNICATI STAMPA > La newsletter del 16 febbraio 2017

La newsletter del 16 febbraio 2017

Da ufficio stampa

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Spettacolo per bambini sabato 18 febbraio alle 11,30

Musica e illustrazioni per raccontare ‘La scatola dei giocattoli’

16-02-2017

E’ pensato per bambini e ragazzi, ma adatto anche agli adulti, lo spettacolo ‘La scatola dei giocattoli’ a cura di Youterpe’s Vision in programma sabato 18 febbraio alle 11,30 nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea.
In programma musiche di Claude Debussy eseguite dal pianoforte di Anna Bellagamba e dall’arpa di Alessandra Penitenti, con la collaborazione tecnica di Francesco Perin, e la presentazione di un video di Youterpe’s Vision con immagini di André Hellé.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
Cosa fanno i giocattoli di notte? Mentre tutti dormono, eccoli uscire dalla loro scatola, guidati dalla musica! Tenero e fiero, il Soldatino di legno combatte contro il malizioso Pulcinella per l’amore della Bambola, incantevole ballerina. Chi riuscirà a farla innamorare? E come andrà a finire?
Nel 1913 il musicista Claude Debussy si ispirò alle illustrazioni di André Hellé per scrivere un “balletto per bambini”, creando una storia delicata e umoristica, che riproponiamo oggi con le immagini originali e la musica di Debussy, trascritta per l’insolita combinazione di arpa, pianoforte e percussioni.

BENI MONUMENTALI – Terminato il primo progetto ‘Art bonus’ in città

Per le colonne di piazza Municipio concluso il restauro sostenuto da contributi privati

16-02-2017

Si è concluso in questi giorni il restauro del colonnato di piazza del Municipio a Ferrara finanziato con i contributi di aziende e cittadini raccolti tramite lo strumento dell’‘Art bonus’. L’intervento, partito alla fine dello scorso mese di ottobre, ha permesso alle colonne marmoree e agli archi in cotto del loggiato sul lato ovest della piazza di tornare al loro aspetto originario grazie alle meticolose operazioni di pulizia e restauro curate dalla restauratrice Federica Bartalini. Alla base del progetto vi è una collaborazione tra pubblico e privato nata su sollecitazione della Fondazione Geometri di Ferrara. Quest’ultima, nei mesi scorsi, aveva infatti proposto al Comune di Ferrara di ricorrere, per il restauro delle 9 colonne e degli 8 archi in cotto, allo strumento dell’‘Art bonus’, opportunità offerta agli enti locali dal Ministero dei beni e delle attività culturali, per recuperare beni monumentali con il contributo di imprese e cittadini, che possono in tal modo compiere un’opera utile per i loro territori usufruendo di detrazioni fiscali. L’operazione ‘Adotta una colonna’ ha così consentito all’Amministrazione Comunale di raccogliere dalle donazioni di aziende (Casa di cura Quisisana e concessionaria Bmw e Mini – Erre Effe group) e privati (Francesco Marchetti e Max Tonioli di Ferrara e Francesco Capri di Crevalcore) la quasi totalità della somma di 9.200 euro necessaria all’intervento.
Ulteriori coinvolgimenti nell’operazione sono stati quelli di Ascom Confcommercio Ferrara e del Gruppo di Comunicazione Dinamica Media che hanno raccolto le adesioni delle imprese, i cui nomi sono comparsi sui teloni del cantiere utilizzati per la prima parte del colonnato.
Grande soddisfazione per i risultati dell’intervento è stata espressa dal sindaco Tiziano Tagliani e dall’assessore ai Lavori pubblici Aldo Modonesi che, ringraziando tutti i soggetti che ne hanno consentito la riuscita,hanno auspicato che questo possa essere solo il primo di una serie di interventi di restauro sostenuti dall’Art bonus in città, fra cui quello per il completamento del colonnato di piazza Municipio e via Garibaldi e quello della colonna e della statua dell’Ariosto in piazza Ariostea.

ASSESSORATO ALLA MOBILITA’ – Presentata la flotta rinnovata dei mezzi gestiti da Tper, Ami, FerraraMobilità e La Valle

Ventisei nuovi bus sulle strade urbane ed extraurbane di Ferrara

16-02-2017

Un rinnovo senza precedenti per la flotta di bus del bacino di Ferrara – Sulle strade ferraresi 23 nuovi bus di Tper e 3 di La Valle trasporti

Un rinnovo così massiccio e articolato della flotta di bus in termini di sostenibilità ambientale e di comfort che non ha precedenti recenti nel bacino ferrarese: è quanto presentato oggi in Municipio dal sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, dall’assessore Aldo Modonesi e dai vertici dell’agenzia per la mobilità AMI, dell’azienda di trasporti pubblici Tper e del consorzio di vettori privati Ferrara Mobilità. Erano presenti l’amministratore unico di AMI, Giuseppe Ruzziconi, la presidente e amministratore delegato di Tper Giuseppina Gualtieri, e la presidente di FeM e titolare di la Valle Trasporti, Domenica La Valle.

Sono 23 i nuovi autobus di Tper che entreranno progressivamente in servizio dai prossimi giorni sulle strade di Ferrara e in tutta la provincia. Si tratta di mezzi di tre diverse tipologie – presentati questa mattina in piazza Castello – che saranno impiegati in ambito urbano ed extraurbano.
Sulle strade del capoluogo debutteranno i 12 autobus ibridi Man Lion’s City, che per le loro caratteristiche in termini di abbattimento delle emissioni e del rumore saranno dedicati in particolare al rinnovo del parco veicolare delle linee diametrali 11 e 6, i due collegamenti urbani più frequentati tra il centro cittadino e le periferie.
Saranno, invece, dedicati alle corse extraurbane programmate in orari di punta, in un’ottica di attenzione alle esigenze espresse dall’utenza, i 4 veicoli Man Lion’s Regio, mezzi di 14 metri molto indicati sui servizi più utilizzati dall’utenza pendolare e scolastica per la loro notevole capacità di carico, in particolare per un maggior numero di posti a sedere.
Sempre in ambito provinciale, i 7 Iveco Crossway – dotati di pianale ribassato per agevolare la salita e la discesa di tutti i passeggeri e di pedana estraibile e posto attrezzato riservato alle persone in carrozzina – troveranno il loro impiego in modo flessibile sui principali collegamenti extraurbani da/per Ferrara, in modo da poter garantire una presenza e una disponibilità a più largo raggio sul territorio di questi mezzi ad alta accessibilità.

Con l’ingresso di questi veicoli di ultima generazione – che vanno a sostituire bus di maggiore anzianità di servizio – si rinnova circa il 10% dell’intero parco veicolare Tper del bacino ferrarese, con conseguenti benefici per i viaggiatori e per l’ambiente. I nuovi veicoli sono, infatti, all’avanguardia per le dotazioni di bordo, l’accessibilità e la climatizzazione, oltre che per la massima eco-compatibilità: gli 11 bus extraurbani hanno motorizzazione Euro 6, mentre i 12 urbani sono a trazione ibrida, mezzi in grado di rilasciare fino a 26 tonnellate di CO2 in meno all’anno rispetto agli autobus con motorizzazioni tradizionali.

L’acquisto di questi 23 nuovi bus ha comportato un investimento complessivo di 7,1 milioni di euro, sostenuto al 50% in autofinanziamento da Tper e per il restante 50% finanziato dalla Regione Emilia-Romagna con fondi ministeriali; i bus sono stati acquistati nell’ambito di una procedura di gara europea bandita proprio da Tper, in qualità di capofila di tutte le aziende di trasporto del territorio emiliano-romagnolo per la fornitura di diversi lotti di autobus.

All’insegna della sostenibilità ambientale, del comfort e della sicurezza, sono anche gli autobus extraurbani Mercedes Benz, modello Intouro, di categoria Euro 6, che vanno ad aggiungersi alla flotta che La Valle Trasporti impiega nel bacino di Ferrara per i servizi di trasporto pubblico locale nell’ambito del consorzio FeM, di cui La Valle è socia. Con un investimento di oltre 600mila euro sostenuto interamente dall’azienda La Valle, sono stati acquisiti 3 mezzi dotati dei più moderni sistemi di sicurezza (radar ed altri dispositivi elettronici), di allestimenti moderni per il comfort per i viaggiatori fra cui il sollevatore per persone con mobilità ridotta e di motore e meccanica a basso consumo energetico. Ad oggi La Valle dispone di una flotta per 2/3 di autobus moderni ed ecologici (Euro 5 e 6) impiegati nei servizi di Trasporto Pubblico Locale nel territorio ferrarese.

Sempre in tema di rinnovo del parco-mezzi del trasporto pubblico ferrarese, a questi 26 nuovi bus presentati oggi si aggiungono i 2 minibus a metano acquistati da SST in autofinanziamento, già entrati in esercizio la settimana scorsa sulle linee a prenotazione Taxibus del territorio provinciale.

 

(Comunicazione a cura di Tper, in collaborazione con l’Ufficio Stampa del Comune di Ferrara)

 

Commenta