Home > IL QUOTIDIANO > LA RICORRENZA
#90 auguri Camilleri!
camilleri-90

Per noi del CFC (Camilleri fans club, ndr) è semplicemente il Sommo. Andrea Camilleri oggi compie 90 anni e noi lo festeggiamo dicendogli grazie, oltre che buon compleanno. Saggista, autore di teatro, storico e romanziere da milioni di copie. Le traduzioni montalbaniane hanno fatto approdare il commissario in mezzo mondo, dalla Norvegia al Giappone, come un globetrotter.

La lingua di Vigata non è mai stata un problema per chi, anche il più nordico, si sia avvicinato ai romanzi del commissario Montalbano: quella parlata siciliana che non ti fa inciampare mai, rende il personaggio quanto il suo carattere, ti affezioni, lo cerchi e lo ritrovi. E’ una scrittura che emoziona, ogni volta.

Negli oltre venti i romanzi che hanno avuto come protagonista il commissario, la serialità non ha mai ceduto alla stanchezza, al già letto. Le indagini sono pretesti per una critica sociale lucida e umana. I romanzi montalbaniani si possono leggere a strati: un’ammazzatina, un furto, una pista da seguire in superficie e poi giù sempre più a fondo, sempre più dentro l’uomo, la sua anima o la sua follia. Camilleri è un capocomico che fa incontrare personaggi che sono persone, Salvo Montalbano è il grimaldello che apre la coscienza (anche di chi legge), disvela verità e risolve l’indagine. Tra lo scrittore e il lettore, tra la storia e le pieghe dei suoi significati, c’è il commissario. Lo conosciamo, abbiamo accettato che stia invecchiando, abbiamo capito che il tempo beffardo che passa non lo lascia indifferente. Anche la fidanzata Livia non è più giovane e noi la vediamo con gli occhi di Salvo. Livia continua ad abitare lontano, la distanza li ha mantenuti in equilibrio fin qui, talvolta traballanti, talvolta irrigiditi, ma in fondo legati a filo doppio.

Montalbano è un uomo di questo tempo, ma non è per questo tempo, la sua sintassi non ammette perifrasi nè giri di parole, è sostanza e anomalia in mezzo alla facondia pomposa di certe gerarchie che lo vorrebbero allineato. Ma il commissario batte sempre altre strade e con lui la sua squadra di cui non potrebbe fare a meno per amicizia, stima e rispetto.

Montalbano ha un’umanità mai pelosa, mai ostentata, ma autentica come i suoi gesti.

E al narratore che ha raccontato la storia più profonda della Sicilia, al padre letterario di un grande personaggio di cui attendiamo ancora tanta vita, noi facciamo gli auguri aderendo, con un hashtag, alla proposta della Domenica de Il sole 24 ore: #90,nessuna paura!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
andrea-camilleri
FRA LE RIGHE
I dubbi di Montalbano nel teatro dell’orrore
camilleri-montalbano
Le impervie strade di Montalbano
andrea-camilleri
E Montalbano affronta
il fango della corruzione