Home > CAMBIA-MENTI / RUBRICA > L’ANALISI
La scelta, l’attesa, il dono: i rituali che aiutano a crescere

L’ANALISI
La scelta, l’attesa, il dono: i rituali che aiutano a crescere

Il Natale porta con sé una magia che ci accompagna fin da bambini. In questi giorni molti si preparano alle feste addobbando la casa, facendo l’albero e il presepe. Quanti di noi ricordano con piacere l’attesa delle feste e l’emozione ad esse collegate? L’impazienza di aprire i regali e la curiosità di scartare velocemente i pacchi per scoprire la sorpresa o verificare che il regalo corrispondesse a ciò che era desiderato e richiesto.
Il trasmettere ai bambini certe tradizioni fa parte dell’eredità che i bambini ricevono e che conserveranno nel loro cuore tutta la vita e che a loro volta trasmetteranno ad altri. L’imparare l’attesa, lo scegliere i regali da donare ad altri, la preparazione degli addobbi in casa sono tutti passaggi importanti che servono a scandire il tempo dell’anno e rendono unico come momento il Natale.

I rituali hanno la funzione di incorniciare, di mettere i confini necessari alla strutturazione dell’identità. Il raccontare ai bambini la favola di Babbo Natale aumenta la suspense del ricevere i regali e rende magica l’atmosfera.
Vivere con serenità momenti di festa è prerequisito fondamentale per apprezzare la convivialità che la festa implica. Ci sono famiglie in cui è talmente elevata l’incapacità di condividere momenti insieme che trasformano ogni occasione di incontro in uno scontro feroce, momento per scaricare addosso all’altro frustrazioni e rancori profondi. Quando ciò accade in presenza di bambini questi ultimi non imparano certo ad associare alle feste ricordi felici e saranno probabilmente adulti in difficoltà in questi periodi.
Lo stare a tavola, diverso dal nutrirsi, implica convivialità, il rispetto dei tempi di parola dell’altro, l’alternanza tra parola e godimento, una vicinanza fatta di piccoli gesti in cui il cibo è veicolo di affetto e di relazione.
Le feste però possono anche essere un momento delicato per chi già soffre, perché amplificano la sofferenza soggettiva nel confronto con un esterno tutto felice che si appresta a festeggiare. È rispetto a questi soggetti che occorre prestare uno sguardo di attenzione e un ascolto particolare perché la festa non si traduca in angoscia e in un incubo da cui il soggetto vuole uscire il prima possibile.

Chiara Baratelli, psicoanalista e psicoterapeuta, specializzata nella cura dei disturbi alimentari e in sessuologia clinica. Si occupa di problematiche legate all’adolescenza, dei disturbi dell’identità di genere, del rapporto genitori-figli e di difficoltà relazionali. baratellichiara@gmail.com

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Io, nessuno e centomila…
Il tabù della solitudine…
Le subdole paure che ci avvelenano la vita e insidiano la nostra libertà
cooperazione-impresa
VIDEOCONFERENZA
L’impresa cooperativa fra valori sociali e compatibilità di mercato