Home > COMUNICATI STAMPA > Legalita’: il rating approda nel registro imprese

Legalita’: il rating approda nel registro imprese

Da Camera di Commercio

Govoni: “Progetto importante ma che va esteso a tutte quelle imprese che, pur in possesso dei requisiti richiesti, hanno un fatturato al di sotto dei due milioni di euro”

Il Registro delle imprese si arricchisce di nuove informazioni per mettere a fuoco il profilo di affidabilità delle aziende. Grazie all’intesa tra InfoCamere e Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), a partire dall’autunno prossimo le visure estratte dal Registro delle imprese delle Camere di commercio italiane conterranno l’indicazione del rating di legalità rilasciato dall’AGCM alle aziende che ne hanno fatto richiesta e che hanno superato il vaglio dell’Autorità stessa.
Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento – misurato in “stellette” — indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business. “L’acquisizione al Registro delle imprese delle informazioni sul rating di legalità – ha sottolineato Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio di Ferrara – rientra nel processo di continuo miglioramento di qualità, completezza e trasparenza delle informazioni presenti nelle banche dati gestite dalle Camere di Commercio, perseguito attraverso l’integrazione di informazioni sulle imprese gestite da altre Pubbliche amministrazioni. Un progetto importante dunque – ha proseguito Govoni – che occorre però venga al più presto esteso – e su questo stiamo già lavorando con le associazioni di categoria – a tutte quelle imprese che, pur in possesso dei requisiti richiesti, hanno un fatturato al di sotto dei due milioni di euro. Del rating assegnato dall’AGCM infatti, secondo quanto previsto dalla legge, si tiene conto in sede di concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, nonché in sede di accesso al credito bancario”.
Alla fine dello scorso mese di aprile, le imprese in possesso delle “stellette” della legalità (il cui elenco, con il relativo punteggio, è pubblicato sul sito dell’Autorità (http://www.agcm.it) sono 3.612 (24 di queste sono ferraresi). Per la maggioranza, si tratta di realtà del Nord (55,6%), rispetto al 22% del Centro e al 31,7% del Mezzogiorno (Sud e Isole). Il 62% sono concentrate in cinque regioni, con in testa l’Emilia Romagna (15,3), seguita dalla Lombardia (14,7), dal Veneto (12,1), dalla Puglia (11) e dal Lazio (8,7). Il 52,1% sono piccole imprese, che occupano meno di 50 addetti e che hanno un fatturato non superiore ai 10 milioni di euro. In base al tipo di attività, il 40% delle imprese opera nel settore nell’industria manifatturiera e circa il 20% nel settore notoriamente “sensibile” come quello dell’edilizia. La quota maggiore è costituita da Società a responsabilità limitata (54,7%), seguite dalle Spa (19,5).
Cos’è il rating di legalità
Il riconoscimento viene rilasciato su base volontaria e può essere richiesto per via telematica dalle imprese che hanno sede operativa nel territorio nazionale, che abbiano un fatturato minimo di due milioni di euro nell’ultimo esercizio e che risultano iscritte nel Registro delle Imprese da almeno due anni. Ha un intervallo variabile tra un minimo (corrispondente a una “stelletta”) e un massimo (corrispondente a tre “stellette”), attribuito dall’Autorità stessa sulla base delle dichiarazioni delle aziende, verificate grazie a controlli incrociati con i dati in possesso delle Pubbliche amministrazioni. Il rating di legalità ha durata di due anni ed è rinnovabile su richiesta. In caso di perdita di uno dei requisiti base, l’Autorità ne dispone la revoca. Se vengono meno i requisiti per i quali l’azienda ha ottenuto un rating più alto l’Antitrust riduce il numero di stellette. Del rating assegnato dall’AGCM, secondo quanto previsto dalla legge, si tiene conto in sede di concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, nonché in sede di accesso al credito bancario.

Commenta