Home > FOGLI ERRANTI > Lo scalpellino

di Carla Sautto Malfatto

Ho su di me i fregi del tempo passato
nella forzata estensione di un elastico sempre più corto.

Ha lavorato di scalpello, l’artista, a scrostarmi
quasi la tonicità dei miei vent’anni gli desse ripulsa
e dai pori è filtrato all’interno, a rifugio
lo spirito giovane e l’eco del suo urlo.

Continua lo scempio di schegge rimosse
e già la struttura barcolla, cede…

– Non te ne accorgi, sciocco, d’aver osato troppo? –

– Così si fa, – risponde quello. – Via il superfluo!
A lavoro ultimato, a nudo, solo l’anima –.

(Carla Sautto Malfatto-Tutti i diritti riservati)

Commenta

1 Response

  1. Pingback : xmt85c4wx5ctwxw3tcerthve56