Home > ALTRI SGUARDI > Lunedì 16 aprile all’Ibs+Libraccio incontro con Annalena Benini e il suo libro ‘La scrittura o la vita’

Lunedì 16 aprile all’Ibs+Libraccio incontro con Annalena Benini e il suo libro ‘La scrittura o la vita’

La scrittura, la vita talvolta si escludono, spesso si sommano, quasi sempre si confondono. Annalena Benini, giornalista de Il Foglio, tra le penne più brillanti di oggi, indaga perché scrivere e intervista dieci autori che vivono una vocazione, una chiamata che parte da dentro e scoppia come un fuoco, rimbalza e non sa fermarsi.
La scrittura o la vita (Rizzoli, 2018) raccoglie le interviste a Sandro Veronesi, Michele Mari, Valeria Parrella, Domenico Starnone, Francesco Piccolo, Patrizia Cavalli, Edoardo Albinati, Melania Mazzucco, Alessandro Piperno, Walter Siti scovati nelle loro case o in dimensioni private, familiari, vicine. Scrivere per predestinazione, per movimentare un dolore, per stare in mezzo alla vita o distogliersi del tutto, ogni scrittore ha confessato da dove viene quella che è una direzione inevitabile da prendere.
È un mestiere che non dà tregua alla vita, se la prende tutta dalla disperazione all’esaltazione, è libertà di scrivere o schiavitù dello scrivere, non si è scissi, mai, e si è felici e annichiliti per questo.
Nessuno è scrittore per caso, per piacere o per ozio. Ci sono drammi da canalizzare nella scrittura, rotture che trovano un senso nelle pagine, felicità che non chiede altro che parole.
Scrivere è una vocazione che pretende di essere ascoltata ed è ossessione, diventa l’atto più importante, un primum movens, ma è anche dove finiscono i pensieri e si compie la vita di uno scrittore. La scrittura è dove le cose accadono, dove un’altra vita nasce o la stessa vive due volte, è mettere una luce perché non si sa dove andare in un mondo tutto dentro da capire.
Nelle dieci interviste scopriamo i metodi e i ritmi personali dello scrivere, Francesco Piccolo è dominato dal rigore, Valeria Parrella procede per appunti mai presi, Melania Mazzucco convive con i personaggi e col mondo che vuole rappresentare. Tutti e dieci sono quello che scrivono, scorazzano nei personaggi che creano, dicono verità (voglio raccontare le cose vere e non le cose giuste confessa Francesco Piccolo) perché la scrittura è fisiologica, dice Patrizia Cavalli, quindi è vita, è essere immersi, è privilegio di usarla come lente tra il mondo dentro e quello fuori.
La scrittura, come la vita, è fallimento, ansia, paura, macerie che danno nuova prosperità, è fantasma del giudizio degli altri, è qualcosa che non finisce con il libro e allora lo scrittore non se ne separa mai perché la scrittura ce l’ha cucita addosso.

La scrittura o la vita sarà presentato lunedì 16 aprile alle 18, alla libreria Ibs+Libraccio. Dialogano con l’autrice Matteo Bianchi e Riccarda Dalbuoni.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
BORDO PAGINA
Instagram salva la vita? Il romanzo di Francesca Monfardini
MEMORABILE
L’abbaino
BORDO PAGINA
Davide Grandi e La Particella Selfie. Webgrafia di un cosmoscrittore
BORDO PAGINA
Dante dopo il 2000: intervista al geopolitico Pierluigi Casalino