Home > COMUNICATI STAMPA > “… ma non si applica”. Le difficoltà a scuola non sono sempre una questione di impegno.

“… ma non si applica”. Le difficoltà a scuola non sono sempre una questione di impegno.

Da Anna Baldo

Gli esperti di “W la dislessia” invitano i genitori ad un incontro per scoprire cosa sta dietro ad un apparente disinteresse per lo studio.
Ferrara, “Casa di Stella dell’Assassino”. Mercoledì 8 novembre 2017, ore 20.30

Ragazzi che a scuola incontrano difficoltà e mostrano disinteresse per lo studio: potrebbe non essere dovuto ad una semplice mancanza di impegno, ma trattarsi di difficoltà oggettive, da affrontare con una nuova consapevolezza, con atteggiamento costruttivo e con gli strumenti corretti. Gli esperti di “W la dislessia!”, Paola Saba, Alessandro Rocco e Valentina Conte, lavorano da anni sulle problematiche legate ai disturbi dell’apprendimento, e invitano i genitori ad una serata dal titolo “Difficoltà a scuola? Non sempre è questione di impegno”, che permetterà loro di conoscere a fondo le cause di malessere dei loro figli nel contesto scolastico. L’appuntamento è a Ferrara, alla Casa dell’Assassino via Cammello 15, mercoledì 8 novembre 2017, a partire dalle 20.30, con ingresso libero.

«E’ fondamentale che i genitori comprendano i loro figli – sottolineano gli esperti – per affrontare le difficoltà che stanno vivendo, ma soprattutto per valorizzare i loro talenti e le potenzialità, spesso inespresse. Le due cose, di norma, non vanno insieme per via di un errato approccio. Un apparente disinteresse per lo studio, o anche una manifesta avversità per il mondo scolastico, possono celare cause importanti da esplorare, per affrontarle in modo risolutivo. La difficoltà di questi ragazzi non deve essere il motivo per odiare i libri e la scuola, smettere di studiare e, soprattutto, smettere di credere in se stessi e nelle proprie capacità. L’obiettivo è dare gli strumenti corretti ai ragazzi, e ai genitori, per ritrovare l’autostima e fare della loro vita scolastica un’esperienza soddisfacente.»

Per questo l’invito è rivolto ai genitori, che possono essere i migliori alleati dei propri figli nel percorso di scoperta delle loro capacità e delle loro intelligenze, diventando gli attori principali di una svolta che i ragazzi potranno compiere. Fondamentale è conoscere quali sono e come si manifestano i disturbi dell’apprendimento, per individuare le strategie migliori e un metodo di studi che darà frutti, sia sul piano della performance scolastica, sia per una crescita armoniosa dei ragazzi, nella ritrovata autostima.
Si parlerà in modo più ampio anche di organizzazione e autonomia nello studio. I tre esperti, autori del libro “W LA DISLESSIA!” saranno a disposizione per rispondere a domande e dubbi che ogni giorno rendono il lavoro sui compiti complesso e problematico.

INFO
www.wladislessia.com

Commenta