Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Nessun selfie sulla mia lapide!

Per molti esiste qualcosa di assai peggiore della morte stessa: l’annichilimento della propria esistenza! Ovvero, la definitiva cancellazione di ogni residua traccia di sé dalla memoria dei posteri.
Ma se ci pensate bene, ciò non è altro che l’inevitabile epilogo di noi tutti, a meno che non ci chiamiamo Michelangelo, Leonardo, Napoleone, Papa Giovanni, Totò, John Lennon, eccetera, eccetera. E dopo che abbiamo lasciato questo mondo, quanto tempo ancora mai potrà resistere l’impronta del nostro passaggio, le sue immagini sempre più sbiadite, nei sogni e nei ricordi dei nostri eredi? una manciata di generazioni? Molto meno!
Che sia per questo che siamo così ossessionati dai selfie? Siamo veramente sicuri che basti riempire gli archivi digitali di facce con espressioni da ebeti per conquistare l’immortalità?

“L’oblìo è una seconda morte,
che le anime temono più della prima.”

Stanislas de Boufflers

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Morte di un comunista
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Qualcosa di troppo e bisogno di niente, la favola di Chiara Gamberale
ANTIMAFIA
La sfida della memoria e il Vangelo della coerenza nel racconto di Rosaria Cascio, discepola di don Puglisi
STORIE SOTTOVOCE
Mai dire… ‘Sono cose da grandi’.
Per raccontare la paura ai figli, munirsi di una scatola magica…