COMUNICATI STAMPA
Home > AVVENIMENTI > NOTA A MARGINE
Un tavolo lungo un parco, con l’intitolazione ad Andrea Bui la festa raddoppia

NOTA A MARGINE
Un tavolo lungo un parco, con l’intitolazione ad Andrea Bui la festa raddoppia

parco-amicizia-cena-vicini-tavolo

È sempre difficile trovare le forze per reagire dopo una disgrazia, e lo è ancora di più se, poco tempo dopo, se ne aggiunge un’altra. Una di queste disgrazie la conosciamo in molti, il terremoto di quei maledetti giorni di tre anni fa; la seconda, dello scorso anno, è la scomparsa di Andrea Bui, cittadino di viale Krasnodar conosciuto da tutti per aver piantato oltre cento piante in circa 20 anni nell’immenso Parco dell’Amicizia.

Un tavolo lungo un parcoE Viale Krasnodar è il quartiere che da queste avversità ha trovato il modo giusto di reagire e mettersi in gioco, nel segno della condivisione e della convivialità: “Un tavolo lungo un parco”, la grande cena dei residenti che dal 2013 si tiene lungo il Parco dell’Amicizia, luogo dei riversamenti in seguito alla scossa del 29 maggio e di quei primi pranzi e ritrovi “forzati” che hanno poi dato l’ispirazione e che oggi sono diventati una vera e propria tradizione.
Di venerdì scorso la terza edizione, un ennesimo successo visto il superamento del numero di partecipanti (toccata quota 400) rispetto all’anno passato, a conferma del trend positivo che ogni anno convince sempre più curiosi o interessati ad uscire dai palazzi della zona e prendere parte alla lunghissima tavolata.
Ma quest’anno i numeri sono passati in secondo piano perché, come anticipato nella scorsa edizione, lo stesso Parco dell’Amicizia è stato ufficialmente intitolato proprio ad Andrea Bui. Le tantissime persone accorse all’evento sono state infatti accolte da alcune nuove targhe poste agli estremi del parco, ognuna delle quali riportante la dedica ad Andrea Bui, ricordato semplicemente come “L’uomo che piantava gli alberi” e “Cittadino volontario”, frasi brevi che meglio non potrebbero sintetizzare le caratteristiche di quest’uomo, scomparso lo scorso anno ma ben presente nel ricordo dei suoi vicini. Un parco che se oggi è così alberato, verde ed accogliente lo si deve anche e soprattutto a lui, come ricordato durante la breve e toccante cerimonia di inaugurazione da Patrizio Fergnani, organizzatore dell’iniziativa, dell’assessore Aldo Modonesi, della moglie di Andrea Bui Mafalda e dal parroco di viale Krasnodar.

Un tavolo lungo un parcoTerminata la cerimonia e impreziositi da questa bellissima novità, i quattrocento residenti hanno poi finalmente potuto aprire teglie di lasagne e bottiglie di vino, tagliare salami, condire immense ciotole di riso freddo e, per non farsi mancare niente, distribuire il cous-cous. La cena è finalmente servita, ognuno ha portato da casa tavoli, sedie e cibo: c’è chi preferisce stare seduto al proprio posto e andare sul sicuro con il proprio, chi assaggia dal tavolo di fianco, chi invece percorre il perimetro dell’intera tavolata alla caccia delle pietanze più gettonate, quelle degli abitanti storici di Krasnodar. Ai lati, schiere infinite di bambini che giocano ad ogni tipo di sport esistente senza mai stancarsi, ragazzi che improvvisano giochi e canti, altri che impugnano la chitarra.
Patrizio Fergani non aveva dubbi e si dice “veramente soddisfatto della giornata, soprattutto perché con la cerimonia dell’intitolazione del parco ad Andrea Bui la festa è stata doppia. Un desiderio nato spontaneo l’anno passato e divenuto realtà in pochissimo tempo. Anche quest’anno – continua – non possiamo che essere entusiasti di questa iniziativa che oramai viaggia da sola e vive di vita propria, ci si organizza tramite la pagina Facebook e la risposta sono tutte queste persone che in armonia si ritrovano qua ogni anno più numerose, felici di riscoprire il vero senso di comunità”.Un tavolo lungo un parco
Lo stesso entusiasmo lo si legge nei volti di alcune signore intente a distribuire i loro piatti migliori. Le saluto, mi invitano a sedermi e in pochi secondi sono circondato da cibo e bibite:“Noi nel nostro palazzo ci troviamo spesso per cenare tutti insieme e non possiamo che essere felici se la cena di tutto il quartiere ha questo successo – mi racconta una di queste – Siamo in tanti ma potremmo essere ancora di più, speriamo che nei prossimi anni si unisca anche chi ora ci guarda dalle finestre”.

E così, tirati fuori anche i dolci e gli amari, la serata prosegue in allegria. Il sole si abbassa, si accendono i lampioni e, all’imbrunire di questo nuvoloso giorno d’inizio estate, il colpo d’occhio è unico… ancora più forte l’emozione di vedere il tutto dal tetto del palazzo per fotografare la tavolata nella sua interezza: un’atmosfera di pace e amicizia, quella vera, che oggi raramente si può trovare.

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
territorio-ferrarese-korakoinè
Periferie, i luoghi e le comunità
SEGNALI
Ecco la “casa del quartiere”. Per gli abitanti di via Medini uno spazio condiviso di incontro
parco-amicizia-cena-vicini-tavolo
IMMAGINARIO
Vicini vicini.
La foto di oggi…
cohousing
Primo cohousing a Ferrara, il buon vicinato fondato sulla condivisione

1 Response

  1. Pingback : Periferie, i luoghi e le comunità