Home > ALTRI SGUARDI > Premio Benois de Danse, quando la magia diventa realtà

Premio Benois de Danse, quando la magia diventa realtà

Essere tra gli spettatori di questo premio internazionale non ha prezzo. E’ un privilegio, quello di poter osservare il palcoscenico di uno dei premi di danza più prestigiosi al mondo, fondato al teatro Bolshoi di Mosca il 29 aprile 1992 dall’International Dance Association, oggi International Dance Union: il Premio Benois de la Danse. Presidente e direttore artistico, nonché presidente della giuria, il coreografo pietroburghese Yuri Grigorovich, oggi novantenne, ma sempre energico ed entusiasta.

Giuria

Giuria

Membri della giuria, oltre a Grigorovich, Marie-Agnès Gillot, Étoile dell’Opera di Parigi, José Carlos Martínez Garcia, direttore artistico della Compañía Nacional de Danza de España, Johannes Öhman,  direttore artistico del Royal Swedish Ballet, Xiao Suhua, coreografo e professore alla Beijing Dance Academy, Elisabetta Terabust, star del balletto italiano e direttrice onoraria del Teatro dell’Opera di Roma, Yury Fateyev, direttore del corpo di ballo del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo e Linda Shelton, direttrice del Joyce Theater Foundation di New York.

Rebecca Bianchi

Rebecca Bianchi

Grandi nomi per un trionfo di tecnica, di emozioni, di bravura, di musica, di applausi. Di gioia perfetta, in uno scenario con pochi rivali al mondo. Quest’anno il premio è stato consegnato il 17 maggio al Teatro Bolshoi di Mosca. Posso dire, io c’ero. Emozioni indescrivibili per un gala unico. All’edizione hanno concorso, fra i 6 ballerini, gli 8 coreografi e i 2 scenografi, anche 3 italiani (nomination comunicate lo scorso 7 aprile): Mauro Bigonzetti, nuovo direttore del corpo di ballo del Teatro alla Scala, Rebecca Bianchi, del Balletto dell’Opera di Roma e Alessandro Riga, del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Nessuna statuetta per l’Italia, purtroppo, anche se i primi ballerini de La Scala di Milano e del Teatro dell’Opera di Roma hanno stregato il pubblico. Le statuette ai migliori coreografi sono andate a Yuri Possokhov (Teatro Bolshoi) e a Johan Inger (Teatro di Danza dei Paesi Bassi). Migliori ballerine Alicia Anatriain (Balletto di Stato di Stoccarda) e Hannah O’Neill (Balletto del Teatro dell’Opera di Parigi), Miglior ballerino Kim Kimin (Balletto del Teatro dell’Opera di Parigi), Migliore scenografo Ren Dongsheng (Accademia di Danza di Pechino). Un po’ Italia tuttavia: il Premio speciale Russia-Italia Benois-Mosca-Massine-Positano è stato consegnato alla prima ballerina del Bolshoi Ekaterina Krysanova. Da non dimenticare anche il premio a Edward Watson (primo ballerino dell’inglese Royal Ballet) e quello alla carriera a uno dei maggiori coreografi mondiali, John Neumeier.

John Neumeier

John Neumeier

Emozionante nell’esprimere il riconoscimento alla cultura della Russia e al ruolo che essa ricopre nella vita quotidiana di ogni cittadino di questo immenso paese. Indimenticabile e ben preparata la presentazione del suo incredibile percorso artistico, quello di un uomo che ha fatto la storia della coreografia.

Alla premiazione sono seguite varie performance dei vari candidati, tutte ugualmente emozionanti e di elevate tecnicità e perfezione. Brani da Carmen di Bizet (i passionali Emilia Gisladottir e Daan Vervoort della Compagnia nazionale di Danza spagnola), dall’Imperatore Yu Li di Dou Wei (i delicati Hu Yuting e Sun Ke dell’Accademia di danza di Pechino), da Cenerentola di Prokofiev (i favolosi Virna Toppi e Christian Fagetti del Teatro La Scala di Milano), da Giselle di Adam (i leggiadri Rebecca Bianchi e Claudio Cocino del Teatro dell’Opera di Roma), dal Pas de deux di Tchaikovsky (Emily Slawski e Dmitry Zagrebin del Teatro Reale di Svezia), da l’Arlesiana di Bizet (sempre Rebecca Bianchi del Teatro dell’Opera di Roma ma questa volta con Alessandro Riga, primo ballerino della Compagnia nazionale di Danza spagnola), dalla Terza Sinfonia di Mahler (i preferiti dalla critica Silvia Azzoni e Alexandre Riabko del balletto di Amburgo), da Sherazade di Rimsky-Korsakov (i perfetti Nadezhda Batoeva e Kimin Kim del Teatro Mariinsky) o da Romeo e Giulietta di Prokokiev (i magnifici ed eleganti Lauren Cuthbertson e Edward Watson del Royal Ballet di Londra). La seconda serata, quella del 18 maggio, tutta dedicata a Shakespeare, in occasione dei 400 anni dalla sua morte. Brani da La Tempesta, Macbeth, Romeo e Giulietta, Otello, Amleto, con i migliori interpreti. Un evento per tutti gli amanti del balletto, esperti e non. Da vedere, almeno una volta nella vita…

Benois 34 photo by M.Logvionv 17.5.16

 Sito web, vedi; Pagine facebook, vedi; Twitter, vedi

Fotografie di M.Logvionv, gentilmente fornite da Olga Kulikova, ufficio stampa del Premio Benois de la Danse, che ringraziamo.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Sant’Ambrogio e La Scala