Home > COMUNICATI STAMPA > Relazioni internazionali. Big data e automotive, Emilia-Romagna e la provincia dello Zhejiang rafforzano i rapporti di collaborazione

Relazioni internazionali. Big data e automotive, Emilia-Romagna e la provincia dello Zhejiang rafforzano i rapporti di collaborazione

Incontro oggi a Bologna tra l’assessore Patrizio Bianchi e la delegazione cinese. Nel 2018, decennale del gemellaggio tra le due regioni, la firma di un Protocollo d’intesa

Bologna – “La Regione Emilia-Romagna continuerà a rafforzare la collaborazione con la Provincia cinese dello Zhejiang, soprattutto sulle tematiche dei Big Data e dell’automotive”.
Lo ha affermato oggi l’assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Patrizio Bianchi, nel corso dell’incontro che si è svolto in viale Aldo Moro con la delegazione cinese, guidata dal vice segretario generale del Governo provinciale di Zhejiang, Chen Zongyao.

La regione di Zhejiang, che conta circa 60 milioni di abitanti, ha una forte specializzazione nell’industria informatica. Qui sorge, infatti, il gigante Alibaba, la compagnia privata con sede ad Hangzhou composta da un gruppo di imprese attive nel campo del commercio elettronico, quali mercato online, piattaforme di pagamento e compravendita, motori di ricerca per lo shopping e servizi per il cloud computing.

Nel 2018 ricorerranno i 10 anni di gemellaggio tra lo Zhejiang e l’Emilia-Romagna e in occasione dell’anniversario, proprio per confermare ed intensificare le relazioni di amicizia e collaborazione bilaterale, sarà firmato un Protocollo d’intesa.

Particolare importanza rivestirà l’ambito economico-commerciale, per facilitare gli incontri delle imprese e promuoverne lo sviluppo competitivo, soprattutto in riferimento a manufacturing 4.0, commercio elettronico, valorizzazione dei beni ambientali e risparmio energetico. Tra gli obiettivi dell’intesa anche quello di sviluppare, sulla base dell’accordo fra le Università dell’Emilia-Romagna e dello Zhejiang, le relazioni fra atenei e centri di ricerca e favorire la mobilità degli studenti. Nelle intenzioni delle due Regioni, vi è inoltre quella di rafforzare la cooperazione culturale, in particolare con le scuole di musica e i conservatori.

Commenta