Home > INTERVISTE > ALTRI SGUARDI > Teatro Verdi: al via i lavori di riqualificazione

Teatro Verdi: al via i lavori di riqualificazione

Due milioni per i lavori di riqualificazione più un milione e 750 mila euro per la gestione degli spazi. Sono queste le cifre messe in campo per il laboratorio aperto nell’ex Teatro Verdi con il progetto ‘MoVe.rdi – Riding, Development, Innovation’, arrivato alla fine di un percorso travagliato per l’edificio: chiusura definitiva nel 1985, tentativo di ristrutturazione e riapertura negli anni Novanta e poi la sfida lanciata da Città della cultura-Cultura della città nel 2013 per trovare una nuova funzione a questo contenitore.

Già a dicembre 2016 l’amministrazione e Città della cultura-Cultura della città avevano presentato il progetto partecipato di rigenerazione per restituire l’ex teatro alla comunità e tentare di farlo diventare il primo motore di un processo che possa invertire il degrado della zona (leggi qui). Ora si passa dai progetti ai lavori: “oggi è l’ultimo giorno per vederlo così”, ha annunciato l’assessore Aldo Modonesi alla conferenza stampa di lunedì 3 luglio, che ha segnato anche la consegna del cantiere dell’ex teatro alle imprese ferraresi dell’Ati che realizzerà i lavori. “Non vedono l’ora che finiamo l’incontro per iniziare a lavorare”, ha scherzato l’assessore con i loro rappresentanti, tutti diligentemente muniti di caschetto e scarpe infortunistiche, pronti a mettersi al lavoro. Il bando, ha sottolineato Modonesi, è stato assegnato con il metodo non del massimo ribasso, ma “dell’offerta economicamente più vantaggiosa”: i lavori avranno una durata di 549 giorni e un importo complessivo di 2 milioni di euro, finanziati per il 20% dall’amministrazione comunale e per l’80% dai fondi europei erogati tramite la Regione (Por-Fesr 2014-2020, Asse 6 ‘Città attrattive e partecipate’).

Gli interventi di rifunzionalizzazione più ingenti, ha spiegato l’architetto Elisa Uccellatori del Servizio beni monumentali del Comune di Ferrara, saranno quelli sul lato che dà su via Castelnuovo e piazza Verdi: verranno creati spazi per un bike cafè, un visitor centre Unesco e un centro per la mobilità sostenibile, inteso come incubatore per nuove idee e nuove imprese su turismo e mobilità sostenibile. La platea e lo spazio della torre scenica diverranno una vera e propria piazza coperta per attività artistiche e culturali ed eventi. “Il cantiere avrà un impatto ridotto sulla zona e per fine anno si prevede saranno completati i lavori su via Castelnuovo”, ha concluso Uccellatori.

E se il Servizio beni monumentali si occuperà dell’hardware, toccherà poi ai colleghi dell’unità organizzativa Manifestazioni culturali e turismo ideare il bando per individuare i soggetti gestori per i primi cinque anni. “Già giovedì avremo il primo incontro in Regione e a inizio 2018 sarà pubblicato il bando per la gestione degli spazi, con assegnazione fra settembre e la fine dell’anno”, ha spiegato l’assessore Massimo Maisto. “I due focus principali saranno turismo e mobilità sostenibile e sarà richiesto un forte protagonismo ai privati”: il bando avrà, infatti, un valore di 1 milione e 750 mila euro complessivi, una parte sarà messa dall’amministrazione attraverso i finanziamenti europei per lo sviluppo regionale, una parte invece dovrà essere investita da chi vincerà e diverrà gestore degli spazi, ha sottolineato Maisto.

Un “luogo aperto e accessibile a turisti e cittadini, finalizzato alla promozione e alla conoscenza del patrimonio culturale cittadino e alla mobilità sostenibile in città e nel territorio”, ha detto il sindaco Tiziano Tagliani, ma anche il primo passo verso la riqualificazione dell’intera zona: ecco perché “entro fine 2017 pubblicheremo anche i bandi per gli interventi su piazza Verdi” con l’obiettivo di “arrivare a primavera 2018 con il cantiere del teatro in stato avanzato e i lavori avviati nella piazza”. “Entro il 2018 la riqualificazione dovrebbe essere completata”, ha concluso Tagliani.

Leggi anche
Il Teatro Verdi: da contenitore vuoto a scommessa di innovazione

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Recupero, rigenerazione, riscatto: tutte le r delle riciclette
“Riaperture”: per il festival di fotografia si spalancano le porte della Ferrara segreta
A Ferrara in bici o… col vaporetto: prende forma il sogno della città ‘idropolitana’
Il Teatro Verdi: da contenitore vuoto a scommessa di innovazione