Home > FOGLI ERRANTI > Tutte le foreste di Auschwitz

Tutte le foreste di Auschwitz

di Carla Sautto Malfatto

Alberi scorticati
sotto la scure degli uomini
dell’anima fuori, dell’anima dentro

Dio che guarda,
Dio che non c’è,
Dio che è morto
troppe volte.

(ancora suoni inutili, credo,
che non riescono a mutare direzione ai tempi,
impedirne il ripetersi.
Gli occhi superstiti hanno disegnato con dovizia
ciò che neppure si riesce ad immaginare,
e non basta.
Quasi in ripulsa, talvolta, o a noia,
a quel risentire o rivedere,
quasi appartenesse ad un’era marziana
o avessimo compreso.
Allora mi chiedo: se neppure tanto è servito,
se siamo tutti vaccinati,
a che servono le mie parole,
e perché ancora succede
per altra etnia ed altra ragione,
perché ancora non cambia il dolore
e si rischia di chiedere a noi
dov’eravamo in questi giorni
e perché non l’abbiamo impedito).

(Carla Sautto Malfatto-tutti i diritti riservati)

Commenta