Home > IL DOSSIER SETTIMANALE > ECONOMIA FINANZA E NON SOLO - n. 8 del 24/07/17 > C1_8 > Uno spiraglio di ottimismo sull’economia ferrarese. Il Cds: “Puntare su turisti e studenti”

Uno spiraglio di ottimismo sull’economia ferrarese. Il Cds: “Puntare su turisti e studenti”

ferrara

“Si può ritornare anche a una crescita dell’uguaglianza?” Così Andrea Gandini, da riconosciuto economista provocatore, ha esordito nella sua presentazione (“se l’Italia non cresce non è colpa della Ue”) per poi calarsi nella analisi della realtà ferrarese. La trentesima edizione dell’annuario socio economico del Cds è stata festeggiata con un interessante momento pubblico di riflessione su cosa succede a Ferrara. Si tratta di un racconto che vede il Centro documentazione studi protagonista da sempre e che con il suo Annuario ha da moltissimi anni cercato di richiamare tutti noi ad analizzare le criticità e le opportunità del nostro territorio. Una storia ricca di esperienze e di riflessioni di alto valore culturale.
E’ sempre bello trovare una sala piena (in Camera di Commercio) in cui chi è venuto ad ascoltare e’ mosso da interesse vero. Ferrara ha sempre più bisogno di confronti seri e al Cds il merito di essere un costante e prezioso riferimento di dialogo da molti anni (è nato nel 1972 e l’Annuario ha compiuto trent’anni).
Andrea Gandini, il presidente con la sua solita professionalità e capacità di analisi concreta e illuminata ha trattato alcune questioni di grande rilievo che sintetizzo per punti per non togliere la gioia di leggere o meglio studiare l’Annuario che è disponibile sul sito internet.

Ha proposito della realtà economica locale il presidente Gandini ha tratteggiato con alcuni punti importanti
Lavoro; la pluriennale recessione sembra aprire un timido spiraglio di ottimismo in provincia di Ferrara. Il tasso di disoccupazione era crollato da anni e solo nel 2015 ha invertito la tendenza risalendo sopra il livello pre-crisi del 2008
La manifattura che a Ferrara è rappresentata da un centinaio di imprese che occupano 16mila addetti, raccogliendo i due terzi degli occupati totali, è tornata a crescere anche grazie ai nuovi insediamenti produttivi ed espansioni industriali;
Immigrati; gli stranieri residenti in provincia di Ferrara sono quasi il 10% (per la precisione il 9,7%) dimostrando “un buon cuore” con però disagio che inizia a dare crescenti preoccupazioni;
Scuola; gli alunni iscritti nelle scuole superiori sono stabili, mentre cresce l’alternanza scuola-lavoro (ora obbligatoria e curriculare) favorendo un importante ruolo delle competenze lavorative;
Università; cresce la dimensione e il valore del nostro Ateneo con oltre tre mila nuove iscrizioni all’anno;
L’analisi è comunque per il Cds sempre solo una occasione per proporre e incrementare il dibattito costruttivo sulla città. In particolare si pensa debba essere potenziata la capacità di attrazione industriale incrementando gli investimenti esterni; debba essere potenziata l’alternanza scuola-lavoro rendendo Ferrara rendendola un’area pilota innovativa in un modello scolastico più “duale” e ormai caratterizzato da importanti leggi e risorse; Ferrara deve diventare un importante Hub per turisti e studenti perché si stanno aprendo nuove opportunità che devono essere colte in fretta.
In sintesi “Dopo la politica dell’efficienza (riduzione debito pubblico, efficientamento servizi pubblici, integrazione pubblico-privato…) è arrivato il momento per i Comuni ferraresi di una Riforma Istituzionale ispirata da nuovi scenari e nuove idee su cui investire”.
Il dibattito è aperto e anzi già durante la presentazione del seminario vi sono stati importanti contributi.
Intervento programmato è stato quello di Luca Zaghi responsabile risorse umane di Zf Trw che da imprenditore ci ha fatto apprezzare la dote di sintesi e chiarezza: “L’industria ferrarese e’ debole e al traino. Abbiamo negli anni bruciato una capacità produttiva che non si rigenera. Le progettualità di apparentamenti ha diviso invece di unire. Serve omogeneità di intenti e di interessi verso orientamenti professionali condivisi e percorsi formativi concreti. Serve una seria politica di inclusione per contrastare rischi di esclusione. Serve dunque un modello reale per rendere appetibile il nostro territorio (politica di attrazione)”.
Infine le sempre lucide considerazioni conclusive di Patrizio Bianchi assessore Regione Emilia Romagna: “I 30 anni dell’Annuario l’hanno reso maturo. Ora dobbiamo realizzare quel pensiero “del dialogo ad ogni costo”. Serve passione e intelligenza (insieme e complementari). Il mondo si sposta e si spostano gli equilibri in un enorme cambiamento. La confusione mentale genera la crisi. Anche a livello globale e in particolare in America. Oggi ovunque il livello nazionale e’ più instabile del livello locale. Tornano le rilevanze dei territori che devono diventare dei luoghi di scambio”.
“E poi Ferrara. Bisogna partire dal patto per il lavoro. Un impegno quinquennale (ragionare in lungo, riconquistare il tempo). Facendolo insieme in termini attivi: politica, istituzioni, imprenditoria, sindacati. A partire dalla manifattura perché industria 4.0 non sia solo uno slogan. Deve crescere la produttività nelle nostre campagne (agricoltura di precisione, innovazione). Ci sono dinamicità e potenzialità da esplorare meglio. I servizi sono fondanti per lo sviluppo. Serve una industria creativa che chiede di essere supportata. Anche il turismo ha bisogno di cultura industriale. Dobbiamo giocare insieme e smettere di dividerci.”

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Il Pil cresce… ma non per tutti
MEMORABILE
I cavalieri templari a Ferrara
MEMORABILE
I volti del mercato
ferrara-mia-progetto-cura-comune-foto-stefania-andreotti
Silvano Balboni, Carlo Bassi e la Costituente Ferrarese del Dopoguerra