Home > COMUNICATI STAMPA > 18 Luglio 2015. Parte il quarto ciclo di mostre del Ferrara Art Festival

18 Luglio 2015. Parte il quarto ciclo di mostre del Ferrara Art Festival

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa Ferrara Art Festival

18 LUGLIO A PALAZZO DELLA RACCHETTA PARTE IL QUARTO CICLO DI MOSTRE DEL FERRARA ART FESTIVAL

Sarà di nuovo un grande appuntamento con l’arte contemporanea il vernissage di quattro nuove mostre che sabato 18 luglio (ore 17.30) al Palazzo della Racchetta di Ferrara (Via Vaspergolo 6) aprirà il sipario sul quarto ciclo di mostre del Ferrara Art Festival.
Curato da Virgilio Patarini per Zamenhof Art di Milano, il festival che da inizio Giugno offre alla città di Ferrara arte contemporanea, libri, musica, teatro e cultura vedrà in parete le mostre personali di Salvatore Alessi e Vito Carta, la collettiva “Geometrie dell’anima” e la mostra dei finalisti del Premio “Il Segno” che giunge quest’anno alla sua settima edizione.
Il siciliano Salvatore Alessi porterà in parete la sua personale dal titolo “Geometrie senza tempo”.
Tra sciabolate di luce e scansioni geometriche dello spazio Salvatore Alessi costruisce mondi in bilico costantemente tra immaginazione e realtà, tra ragione e sentimento. Il colore e il gesto sprigionano forze oscure e inconsce che gli assi cartesiani delle composizioni solo in parte contengono: è una danza, a tratti una lotta tra Apollo e Dioniso, senza che mai nessuno dei due abbia il sopravvento.
Vito Carta proporrà la sua personale dal titolo “Divertissement”.
Quelle che affiorano nella luce cangiante della memoria di Vito Carta sono immagini inquiete: volti, corpi, scenari, fotogrammi che galleggiano in una luce che cambia, a tratti morbida, tenue, soffusa, a tratti abbacinante e tagliente. La memoria è il flusso, la corrente che le trasporta, le sparpaglia, le accosta, le mischia, le sovrappone, le allontana, le deforma: scompone e ricompone i contesti in cui le immagini stesse trovano nuove combinazioni, nuova luce, nuovi colori, nuovi significati. Perché Vito Carta sa bene che la memoria è una compagna infedele che mente con abilità, ma spesso nei suoi inganni, nelle sue bugie si nascondono rivelazioni spiazzanti e realtà insospettabili. E l’artista, come un giocoliere, usa l’inganno e la menzogna per raccontarci la verità.
“Geometrie dell’anima” è invece la mostra che propone opere di Mariano Dal Forno, Bruno De Santi, Saverio Magno, Beatrice Palazzetti, Giorgio Pica, Ezio Ranaldi, Patrizio Serra, Rita Vitaloni.
Ogni artista di questa collettiva possiede un suo mondo particolare, ma ciascuno di questi mondi utilizza un segno e un linguaggio ben determinato per indicare una via interpretativa della realtà, che sebbene non sia uguale per tutti possiede la stessa origine decostruttivista. Le geometrie a cui allude il titolo sono quelle linee che si sovrappongono, s’intersecano e danzano, lato evidente del gesto delle mani modellanti la materia a mettere ordine nel caotico bagno sensoriale a cui quotidianamente l’uomo è soggetto.
Da ultimo, la mostra dedicata alle opere finaliste del Premio “Il Segno”. Giunto quest’anno alla sua settima edizione il premio ha lo scopo di selezionare e promuovere artisti contemporanei a livello internazionale che si distinguano per originalità e qualità delle creazioni.
Il Premio prevede la realizzazione di più eventi espositivi (mostra degli artisti finalisti a Ferrara e mostre dei 3 vincitori dei tre premi principali a Milano e Venezia) e l’assegnazione di sei primi premi (3 premi principali e 3 premi-segnalazioni).
Vernissage alle 17.30. Ingresso libero.
Le mostre saranno visitabili tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 16 alle 19 fino al 2 agosto prossimo.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi