Home > COMUNICATI STAMPA > Presentazione letteraria riguardante “Verdi e dintorni” presso la Scuola di Musica Moderna di Ferrara

Presentazione letteraria riguardante “Verdi e dintorni” presso la Scuola di Musica Moderna di Ferrara

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Ufficio Stampa Associazione Musicisti Ferrara aps

Giovedì 5 dicembre 2019 alle ore 21,00 nell’aula magna Stefano Tassinari della Scuola di Musica Moderna di Ferrara in via Darsena 57 verrà presentato il libro di Patrizio Bianchi “Verdi e Dintorni”
a seguire momento musicale con Ludovico Bignardi al pianoforte, l’ingresso è libero.
L’incontro fa parte di un mini ciclo di presentazioni letterario musicali organizzato da AMF dal titolo Nero su Bianco.

Di seguito il programma:
Giovedì 5 dicembre ore 21,00 “Verdi e dintorni” di Patrizio Bianchi a seguire momento musicale con Ludovico Bignardi pianoforte;
Giovedì 19 dicembre ore 21,00 “Onyricana” Jimmy Villotti presenta il suo libro insieme a Marco Gulinelli, seguire piccola Jam con Massimo Mantovani tastiere, Roberto Formignani chitarra, Roberto Poltronieri batteria, Riccardo Baldrati tromba;
Giovedì 23 gennaio ore 21,00 “Fotografare il Jazz” Giorgio Rimondi e Marco Caselli Nirmal presentano il libro “Nerosubianco” (edizioni Arcana) di Giorgio Rimondi – a seguire momento musicale con Organic Trio;
Giovedì 6 febbraio ore 21,00 “Per una storia del femminile ingegno”. Le Romantiche Alessandra Gavagni e Monica Farnetti. A seguire musiche di Clara Wieck – Schumann e Fanny Mendelssohn – Hensel a cura di Julie Shepherd viola e Alessandra Gavagni pianoforte;
Giovedì 20 febbraio ore 21,00 “Il Blues ha una mamma bianca” di Roberto Menabò accompagnamento musicale a cura di Roberto Menabò.

Patrizio Bianchi Assessore a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia Romagna
chi sono: Sono nato a Copparo nel 1952, vivo a Ferrara insieme a mia moglie e ai miei due figli.
Nella mia vita professionale ho avuto l’opportunità, e direi anche la fortuna, di avere molte esperienze, certo diversificate, ma in fondo coerenti fra loro. Innanzitutto ho studiato economia e ne ho approfondito i classici, constatando quanto essenziali siano le idee fondanti di una disciplina che vuole avere responsabilità sociali. Ho scelto poi di approfondire l’economia e politica industriale, forse la più concreta delle economie applicate.
Fin dai primi anni dopo la laurea ho ritenuto di dovermi misurare con la realtà, mettendomi a disposizione delle istituzioni. Prima in Inghilterra alla Price Commission (1978-79), poi in Italia nella Commissione che doveva far fronte alla crisi dell’industria dell’automobile (1980-82). Dal 1984, e a più riprese, mi sono confrontato con i problemi dello sviluppo, in America Latina, poi in Cina e in Africa del Nord. In Europa ho svolto attività di ricerca per la Commissione europea sulla natura degli intangibles assets e politiche industriali. In Italia ho assunto incarichi che mi hanno portato a misurarmi con i problemi connessi alla privatizzazione, all’IRI dal 1997 al 2000, e quelli dell’occupazione nel Mezzogiorno (Sviluppo Italia, 1998-2000).
Per tutta la vita, tuttavia, sono rimasto uomo di università, prima come professore a Bologna nella mia Alma Mater, poi a Ferrara, dove sono stato preside di una facoltà che ho avuto l’onore di fondare e dove dal 2004 sono stato rettore. Nel 2011 mi è stata offerta l’opportunità di occuparmi di scuola, formazione, ricerca e di lavoro per la mia regione, l’Emilia-Romagna. Ruolo che, con impegno e orgoglio, ancora svolgo.
Nella mia attività di economista e nelle diverse esperienze istituzionali maturate nel tempo ho imparato una semplice lezione. Ho via via consolidato la certezza che l’unica vera forza in grado di muovere un’economia e di garantire lo sviluppo sono le persone. Non i singoli, non le persone sole, ma la collettività quando dimostra di essere in grado di riconoscersi in valori quali il rispetto reciproco e l’autonomia individuale e di darsi regole per competere e cooperare, condividendo obiettivi di prosperità. Oggi chiamiamo questa ricchezza “capitale umano” e sappiamo che quella buona economia, che in Europa definiamo intelligente, sostenibile ed inclusiva, deve saper coniugare la crescita con la coesione, costruendo capitale sociale, quell’insieme di conoscenze condivise, non appropriabili singolarmente e fruibili collettivamente che rappresentano le fondamenta di una comunità.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi