Home > COMUNICATI STAMPA > 26 Gennaio: omaggio alla visione di “Gli Occhiali d’Oro”, tratto dal romanzo di Giorgio Bassani presso alla Sala della Musica.

26 Gennaio: omaggio alla visione di “Gli Occhiali d’Oro”, tratto dal romanzo di Giorgio Bassani presso alla Sala della Musica.

Da: Ufficio Stampa di Arcigay Ferrara

Domenica 26 gennaio, alle ore 18, presso la Sala della Musica (Via Boccaleone 19 Ferrara), Arcigay Ferrara, dedica un omaggio al personaggio del romanzo Gli Occhiali d’Oro di Giorgio Bassani, attraverso la visione del film omonimo, girato nella città estense dal regista Giuliano Montaldo.

La visione sarà introdotta da Massimo Ali Mohammad regista, ferrarese d’adozione e membro dell’associazione Feedback.

La proiezione rientra in un progetto più ampio di Arcigay Ferrara, dal titolo Sulle tracce del Dottor Fadigati, dedicato alla memoria del medico omosessuale che ispirò il romanzo di Giorgio Bassani. Il tutto è curato da Manuela Macario e Luciana Passaro (visual designer) con la supervisione di Silvana Onofri del comitato scientifico della Fondazione Bassani e Presidente dell’Associazione Arch’è e di Paola Bassani Presidente della Fondazione che ha patrocinato il progetto che vede la collaborazione di altre realtà associative quali Arch’è, Feedback e UDU Ferrara.

Nel ventennale dalla scomparsa dello scrittore ferrarese, Arcigay Ferrara ha infatti deciso di omaggiare Bassani intitolando l’associazione Gli Occhiali d’Oro e avviando un percorso di rivisitazione dell’opera attraverso le immagini, le parole e i luoghi del romanzo.

La visione del film, che si inserisce nella sezione Visioni del progetto, è realizzata in occasione della Giornata della Memoria.

Gli Occhiali d’Oro è ambientato nell’Italia del 1938, l’anno della promulgazione delle leggi razziali contro gli ebrei e degli omosessuali al confino mentre nella Germania nazista iniziava lo sterminio sistematico di ebrei, rom, disabili, oppositori politici, criminali e omosessuali.

Lo sterminio degli omosessuali, nei campi di concentramento identificati con un triangolo rosa e per molto tempo dimenticato, è passato alla storia come Omocausto.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi