Home > ACCORDI - il brano della settimana > ACCORDI
What should I do?
Il brano di oggi…

ACCORDI
What should I do?
Il brano di oggi…

Tempo di lettura: 3 minuti

Ogni giorno un brano intonato a ciò che la giornata prospetta selezionato e commentato dalla redazione di Radio Strike.

[per ascoltarlo cliccare sul titolo]

GUTS – what should i do?

L’apporto che internet ha portato alla società moderna è senza dubbio positivo in termini di condivisione universale della conoscenza, purché critica. Allo stesso tempo ha però impigrito la ricerca di “soluzioni pratiche” nella vita quotidiana, ormai, sempre più distante e filtrata da PC e dispositivi vari. Dovrebbe essere il confronto diretto con la realtà a influenzare e dirigere determinate valutazioni. Molte volte appare che, soprattutto noi giovani italiani, abbiamo perso l’abitudine al contatto umano, e isolati nelle nostre case, eludiamo il confronto diretto, il contatto sociale. Siamo così bravi e esperti dietro un monitor, e pretendiamo di ricevere un futuro che ci è DOVUTO… quando invece ogni individuo, in quanto essere sociale ha sempre collaborato concretamente con i suoi simili nella sua realizzazione.

Pensiero nato da una riflessione sui dati EUROSTAT che affermano che “…in Italia la percentuale dei giovani che non riescono a lasciare la famiglia di origine è alta anche nella fascia di età più «adulta». Quasi un giovane su due tra i 25 e i 34 anni (il 49,4%), infatti, vive con almeno un genitore a fronte del 28,8% nell’Ue a 28 e dell’1,4% dei danesi…”.

Selezione e commento di Cristiana Neglia, autrice del programma “Vernice” in onda il sabato dalle 12 alle 14, ogni due settimane (attualmente sospeso). Il programma vuole essere una vetrina per la musica underground, prodotta in maniera autonoma e diffusa attraverso mezzi di comunicazione non sempre convenzionali.

Radio Strike è un progetto per una radio web libera, aperta ed autogestita che dia voce a chi ne ha meno. La web radio, nel nostro mondo sempre più mediatizzato, diventa uno strumento di grande potenza espressiva, raggiungendo immediatamente chiunque abbia una connessione internet.
Un ulteriore punto di forza, forse meno evidente ma non meno importante, è la capacità di far convergere e partecipare ad un progetto le eterogenee singolarità che compongono il tessuto cittadino di Ferrara: lavoratori e precari, studenti universitari e medi, migranti, potranno trovare nella radio uno spazio vivo dove portare le proprie istanze e farsi contaminare da quelle degli altri. Non un contenitore da riempire, ma uno spazio sociale che prende vita a partire dalle energie che si autorganizzano attorno ad esso.

radio@radiostrike.info
www.radiostrike.org

Commenta

Ti potrebbe interessare:
NELL’ARIA C’E’ UN’ALTRA PANDEMIA:
L’indifferenza e l’isolamento socio-culturale
Chiesa e unioni civili
DIARIO IN PUBBLICO
La fatica di vivere oggi
DI MERCOLEDI’
Il saluto di Hygia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi