Home > IL QUOTIDIANO > INSOLITE NOTE
Nel giardino segreto di note di Chiara Ragnini

INSOLITE NOTE
Nel giardino segreto di note di Chiara Ragnini

chiara ragnini copertina
copertina album

La copertina dell’album Il giardino di rose

Chiara Ragnini canta e suona la chitarra da quando aveva 14 anni, le sue produzioni hanno un cuore acustico, ma nella musica convivono sonorità pop ed elettroniche, il giusto cocktail per testi che rifuggono superficialità e luoghi comuni. Le sue parole si concentrano su simboli e metafore logiche e inconsuete, che raccolgono spunti da ricordi infantili e da esperienze di vita: “… uno scoiattolo mi guarda con quell’aria divertita, gli rispondo che è già tardi, la mia nave è ripartita”.
“Gli scoiattoli nel bosco” è uno dei singoli tratti dal disco “Il giardino delle rose”: un pezzo melodico e ritmato, che ben rappresenta la musicalità della cantautrice ligure, da cui è stato tratto il videoclip ufficiale girato nella splendida cornice di Villa Ormond a Sanremo.
“Il giardino di rose” nel 2011 è stato l’album d’esordio di Chiara: un concept album folk-acustico, realizzato come un vero e proprio live, che ha visto la collaborazione di Claudio Cinquegrana alle chitarre e al missaggio, Max Matis al basso e Sandro Vignolo alle percussioni e batteria. Chiara è l’autrice di testi e musiche, così come degli arrangiamenti, cui ha collaborato Cinquegrana. Il brano “Il giardino di rose”, che dà il titolo al disco, dona un velo di poesia ai racconti di Chiara, un contrasto di parole nascoste in fondo all’anima, tra pioggia e sole: “… passerà, cambierà ogni cosa che non va, lascia perdere le volte che hai sbagliato, non importa e non sai, troverai le risposte che non hai e dall’alto del tuo muro tra le rose mi ritroverai”.

Chiara è tornata recentemente alla produzione discografica con due singoli: “Tra le foglie” e “Have yourself a merry little Christmas”, celebre carol natalizia portata al successo da Judy Garland, Frank Sinatra e riproposta recentemente da Sam Smith. Quest’ultima canzone, scritta nel 1943 durante la seconda guerra mondiale, si discosta dalle classiche canzoni natalizie, per il tono malinconico con cui raccoglie lo stato d’animo di una nazione angosciata dalla guerra. Il pezzo, scritto da Hugh Martin e Ralph Blane, fu interpretato da Judy Garland nel film “Incontriamoci a Saint-Louis”, che racconta lo sconvolgimento di una famiglia causato dal trasferimento del padre a New York. Una metafora degli avvenimenti drammatici che videro molti americani partire verso la Normandia. Il personaggio interpretato da Judy Garland canta il brano la Vigilia di Natale, per rincuorare la sorellina affranta.

chiara ragnini

Chiara Ragnini

Per entrambi i singoli è stato realizzato il videoclip, in quello di “Have yourself a merry little Christmas”, uno dei più toccanti del suo genere, Chiara esegue il brano nel salotto di casa, tra pupazzi e angioletti, lasciando alla sola voce, accompagnata dalla chitarra, il compito di creare la giusta atmosfera. Il clip di “Tra le foglie” è girato a Lungueglietta (Cipressa, IM), con un testo dedicato a questo splendido angolo di Liguria. Il brano, melodico e incisivo, proprio come il vento che accarezza gli ulivi del borgo medioevale, anticipa il nuovo album previsto per la prossima primavera.

Guarda il video ufficiale di
Tra le foglie
Have yourself a merry little Christmas

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Gli ultimi cinque minuti
Beveroni verdi freddi alla fermata del Pareschi
Una sera per caso, in una festa in riva al mare di tanto tempo fa…
La disperata impresa di un eroe dei sogni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi