Home > IL QUOTIDIANO > Zamorani: “Dopo la nostra lettera al Papa il Vescovo non ha più esternato…”

Zamorani: “Dopo la nostra lettera al Papa il Vescovo non ha più esternato…”

negri-papa-francesco

Pluralismo e Dissenso, il ‘think tank’ ferrarese rappresentato da Mario Zamorani e Paolo Niccolò Giubelli, si è fatto conoscere con incontri per analizzare gli ultimi decenni della politica ferrarese e poi un secondo ciclo di dibattiti incentrati sull’approfondimento della questione immigrazione. Ieri, a margine della conferenza stampa di presentazione di due nuovi incontri sull’articolo 49 della nostra Carta costituzionale, cioè i partiti come metodi partecipazione al sistema democratico del paese, abbiamo fatto qualche domanda a tutto tondo a Mario Zamorani.

Qualche mese fa Pluralismo e Dissenso ha inviato al Papa un dossier firmato da 300 persone [vedi] con tutte le esternazioni del vescovo Negri. Avete avuto riscontro dal Vaticano?
Fin dall’inizio non mi aspettavo un riscontro, cosa che di fatto non si è verificata. Abbiamo segnalato una situazione di profondo disagio sia per i cattolici sia per i non cattolici e quindi per la nostra comunità nel complesso. Non so come funziona ai vertici alla Cei o come si muove il Papa in questi casi, mi aspettavo quantomeno una telefonata a monsignor Negri.
Vero è che, dopo l’invio della lettera, il vescovo, prima abituato a numerose uscite ‘particolari’, non ne ha più fatta neanche una. Il perché non lo so, ma questa è la realtà…

Come giudica l’operato dell’amministrazione? Quali sono le cose che funzionano e quelle che invece andrebbero migliorate?
Su questo tema ho difficoltà a rispondere perché non sono così aggiornato e lo farei in modo poco informato, leggo poco i giornali ferraresi e cerco di organizzare iniziative che di solito non riguardano strettamente la politica locale. Quello che posso dire è che appena eletto Vitellio segretario provinciale del Pd ci siamo incontrati subito e abbiamo avuto immediatamente un rapporto molto buono, così come buoni sono i rapporti tra il nostro gruppo e la maggioranza. Lo stesso Fiorentini, nostro prossimo ospite, è entrato a far parte dell’associazione. A confermare questo, proprio l’interesse riguardo le ultime nostre petizioni depositate in Comune, a differenza del totale menefreghismo riscontrato dieci anni fa.
Quello che davvero ci vorrebbe, come detto in conferenza stampa, è gente che riesca ad alzare la testa e guardare lontano, dei visionari. Questo è quello che a Ferrara ancora manca. Su questo versante credo che il lavoro del nostro gruppo sia importante per qualsiasi comunità, poiché in grado di invitare in dibattiti pubblici una serie di personalità interdisciplinari in grado di tornare ad appassionare tante persone alla politica.

Il linguaggio politico dei giorni nostri, come si denota ormai sempre più spesso in casi sia nazionali sia locali, è fortemente caratterizzato da un imbarbarimento dei toni che inevitabilmente punta i riflettori sul singolo caso a discapito dei veri problemi. Qual è la sua opinione in merito?
Le nostre iniziative vanno su tutt’altra direzione. Quando organizziamo gli eventi lo facciamo con un format attraverso il quale è impossibile urlare e si discosta totalmente da quello che siamo abituati a vedere in tv, e nessuno infatti lo ha mai fatto. Quando abbiamo invitato, per esempio, il capogruppo della Lega Nord in regione, Alan Fabbri, alle nostre iniziative sui migranti è stato un dialogo straordinariamente civile e soprattutto utile.
In tutti i modi quello che ha detto purtroppo è vero ed è una deriva pericolosissima, perché il dialogo non è fatto di urla. I politici hanno la tendenza a essere autoreferenziali, e se oggi più che mai è presente una forte disaffezione verso la politica, ci saranno dei motivi?

Leggi anche
Tornare alla Costituzione, riscoprire la politica. Pluralismo e Dissenso propone due eventi sull’articolo 49

Commenta

Ti potrebbe interessare:
E in Europa qualcosa cambia: l’assist di Mario Draghi per sostenere investimenti e occupazione
La bufala: “In borsa bruciano i risparmi degli italiani”
In Italia cinquemila miliardi di euro in tasca ai privati, ma il divario fra ricchi e poveri aumenta
Ma quanti siamo? Idealisti senza sponda

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi