Tempo di lettura: 2 minuti

Da Suzzara a Ferrara, le ferrovie dell’Emilia Romagna da 127 anni mettono in relazione con
82 km di linea il capoluogo estense, l’Alto Ferrarese e l’Oltrepò Mantovano.

La rete ferroviaria italiana ha fatto la storia del Paese, avvicinando paesi e borghi che – un tempo – si conoscevano forse solo per nome : “Fuori Binario”, il programma di Rai Tre ha viaggiato sulla linea FER Suzzara-Ferrara per “a bassa intensità, con un transito su linee parallele, un percorso fuori dai binari, per esplorare l’anima dei territori italiani, per cogliere lo spirito del tempo e ritrovare l’antico senso delle cose nei luoghi e negli uomini che li abitano”.

La ferrovia fu costruita grazie ad un accordo fra le Province di Mantova e Ferrara e la sua apertura avvenne in due momenti: il tronco da Suzzara a Sermide fu inaugurato il 1º luglio 1888, mentre il Sermide-Ferrara fu avviato all’esercizio il 22 dicembre dello stesso anno. Sulla tratta, fino all’inizio del XX secolo, circolavano locomotive a vapore costruite a Monaco di Baviera, denominate con i nomi di città e dei fiumi che attraversavano. Nel tempo la linea è stata utilizzata sia il trasporto passeggeri che per quello delle merci, dalle produzioni agricole a quelle militari della seconda guerra mondiale.

Foto di Alessandro Muratori - Il mondo dei Treni 1978

Foto di Alessandro Muratori – Il mondo dei Treni 1978

OGGI – IMMAGINARIO FERROVIARIO

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi