Tempo di lettura: < 1 minuto

di Maria Luigia Giusto

Semel in anno dicevano gli antichi: una volta all’anno è permesso fare, o almeno pensare di poter fare, tutto. Che occasione il carnevale! Basta una maschera sul volto a nascondere i tratti e tutto diventa possibile: per i sottoposti dirgliene quattro ai capi, per chi ha ruoli istituzionali dimenticare il politically correct (ma talvolta accade già…), per i timidi innamorati dichiararsi senza timori. Le sirenette diverrebbero fanciulle, le rane possenti buoi, i topi di campagna topi di città, per un giorno. Poi tutto tornerà come prima, ciò che è stato sarà chiuso nel baule del tempo e dimenticato. Per fortuna! O forse è un peccato.

“Oggi è scirocco giallo di coriandoli, già verzica la scorza, in capriole vanno nubi arlecchine”
Maria Luisa Spaziani

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’INSANA SMANIA DEL POLITICAMENTE CORRETTO
Dopo il “moretto” censureremo anche Senghor?
La gloriosa eco di una vittoria… giunta da mezzo millennio fa
LA FOTONOTIZIA
La corte estense rivive nel Carnevale degli Este 2019
Privilegi del loggione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi