Home > COMUNICATI STAMPA > A Comacchio di nuovo tutti d’accordo sul cemento

A Comacchio di nuovo tutti d’accordo sul cemento

da: Legambiente Emilia-Romagna

Su un progetto dai metodi e contenuti discutibili, il “mattone” supera gli schieramenti politici e unisce le amministrazioni di Comune, Provincia e Regione

A Comacchio è stato recentemente presentato un nuovo progetto di sviluppo turistico, che unisce le amministrazioni di Comune, Provincia e Regione e che prevede un investimento di circa 180 milioni di euro con una partnership tra pubblico e privato, di cui circa 35 milioni messi dal pubblico.

Legambiente è fortemente preoccupata per i contenuti del progetto sia dal punto di vista urbanistico che dall’entità delle nuove cementificazioni: nelle previsioni progettuali, da una prima analisi di quanto proposto, emerge infatti un carico di urbanizzazione e quindi di nuovo cemento assolutamente non compatibile con la quantità di edificazione che quel territorio e la costa regionale hanno subito in questi anni, e ben poco coerente con l’area di pregio naturalistico del Delta del Po.

L’associazione è rimasta inoltre stupita dalle modalità con cui è stato presentato il progetto, al di fuori di ogni meccanismo di partecipazione attiva di cittadini e associazioni e senza alcuna condivisione d’intenti né coinvolgimento nelle scelte dell’amministrazione. Un metodo ben lontano dai criteri di trasparenza, e di quella adeguata condivisione richiesta da un progetto così rilevante per il territorio comacchiese e della costa emiliano-romagnola. Sembrerebbe invece di scorgere la solita ed abusata abitudine di adoperare varianti importanti agli strumenti urbanistici, decidendole a tavolino con i portatori di interessi economici, e calandole poi sul territorio.

È evidente che il litorale comacchiese abbia bisogno di una riqualificazione turistica. E sicuramente l’individuazione di risorse private per la promozione del turismo e dell’economia in quest’area è un’operazione virtuosa.

Ma in un Comune come quello di Comacchio, fortemente scosso in passato sia dal punto di vista politico che giudiziario proprio a causa dei temi urbanistici, sembrerebbe opportuno che le scelte adottate per questo importante ed impattante progetto di trasformazione territoriale vengano prese nella maniera più trasparente possibile.

Nonostante i diversi partiti di appartenenza e le comuni promesse riguardanti lo stop al consumo di suolo, pare proprio che il Sindaco Fabbri, la Presidente della Provincia Zappaterra e l’Assessore regionale Melucci si trovino d’accordo quando si tratta di riversare nuovo cemento sui nostri territori.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi