Home > COMUNICATI STAMPA > A Ferrara Coop Alleanza 3.0 e Librerie.Coop donano oggi alle scuole i libri raccolti con l’iniziativa “Libri per non dimenticare”.

A Ferrara Coop Alleanza 3.0 e Librerie.Coop donano oggi alle scuole i libri raccolti con l’iniziativa “Libri per non dimenticare”.

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Ufficio Stampa Coop Alleanza 3.0.

I volumi raccolti lo scorso anno agli ipercoop Il Castello e le Mura consegnati oggi alle classi dell’Istituto Comprensivo C. Govoni.

Quasi 150 libri complessivamente raccolti da Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop che andranno a formare costruire piccole “biblioteche della memoria” nelle scuole. È il significativo risultato dell’iniziativa “Libri per non dimenticare” con cui Coop Alleanza 3.0 in collaborazione con Librerie.coop ha rievocato la “Giornata della memoria” che riconosce e ricorda l’Olocausto.

I volumi raccolti agli Ipercoop Le Mura e Il Castello sono stati consegnati oggi nel cortile della scuola Poledrelli di Ferrara, alle classi dell’Istituto Comprensivo Govoni coorganizzatore dell’iniziativa.

L’iniziativa si è svolta in ricordo del funesto 10 maggio 1933 quando, a Berlino e in altre città tedesche, ebbero luogo le Bücherverbrennungen, i roghi dei libri. I roghi furono perpetrati dall’Associazione Nazionalsocialista degli Studenti Tedeschi e dal ministro della Propaganda Joseph Goebbels.

All’appuntamento hanno partecipato la professoressa Anna Bazzanini, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo C.Govoni, Patrizia Luciani e Ombretta Ghiraldi, delle Zone soci Coop Ferrara e Marco Sgarbi e Giulio Costa, di Teatro Off hanno eseguito letture sul tema della memoria.

I volumi donati sono dedicati all’Olocausto ma anche ad eventi la cui memoria è da salvare e preservare, scegliendo i propri autori e generi preferiti, dai grandi classici della letteratura ai romanzi che ognuno di noi, almeno una volta nella vita, ha letto interamente o a brani. Attraverso la scrittura, infatti, spesso riusciamo a spiegare, raccontare, testimoniare ed esprimere ciò che altrimenti non avrebbe parola, a dare voce con forza e talvolta tenerezza alle storie di persone che hanno attraversato l’orrore.

 

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi