Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Abitanti di questa terra anfibia
territorio-ferrarese-korakoinè

Torre Palù e la chiavica del Bosco immerse in un paesaggio in cui nessun’altra presenza è ammessa: pace e spaesamento. Tutto il Ferrarese è terra di bonifica e grande è stato lo sforzo compiuto nei secoli per assicurare a tutti noi abitanti di questa “terra anfibia” un insediamento stabile. Canali, impianti idrovori, chiaviche, prese, paratoie, casse di espansione: la bonifica è un’incessante, complessa attività alla continua ricerca di un difficile equilibrio tra acqua e terra, equilibrio sempre perduto e continuamente da riconquistare.

L’acqua disfa li monti e riempie le valli e vorrebbe ridurre la Terra in perfetta sfericità, s’ella potesse” (Leonardo da Vinci, “Codex Atlanticus”, 1478)

Foto di Stefania Ricci Frabattista

In foto: Torre Palù risale alla prima metà del Settecento, costruita per garantire lo scolo a mare del Canal Bianco e impedire la risalita delle acque marine con l’alta marea, è uno degli edifici idraulici meglio conservati del ferrarese. Formato da 5 conche a sesto ribassato con le porte vinciane e le paratie ancora funzionanti, secondo la tecnica di apertura e chiusura automatica su pressione dell’acqua. La costruzione è in laterizio e disposta su due piani; la denominazione di torre indica una funzione, oltre che idraulica, anche difensiva. Il tetto in legno, è a padiglione. Dall’argine del Canal Bianco si può godere un’ottima vista degli scanni e della foce del Po di Volano.

logo-korakoinèKoraKoinè è un’Associazione di promozione sociale e culturale nata a Ferrara nel 2014. Tra le finalità, quella di promuovere iniziative volte alla sensibilizzazione e diffusione della cultura del territorio, in accordo con l’art.9 della Costituzione italiana, che tra i principi fondamentali riconosce la tutela del patrimonio culturale e del paesaggio della nazione.

Clicca qui per visitare la pagina Facebook dell’associazione

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Stratigrafie
DIARIO IN PUBBLICO
Non è triste Venezia ma Ferrara
Come rendere un’abbazia la prima d’Italia (e farla rimanere tale per otto secoli)
Ciao Marco…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi