Home > COMUNICATI STAMPA > Accasiamoci, una casa alle giovani coppie. Dalla Regione 12 milioni di euro. Click day il 1 dicembre 2015

Accasiamoci, una casa alle giovani coppie. Dalla Regione 12 milioni di euro. Click day il 1 dicembre 2015

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 4 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia Romagna

Gualmini: “Grande attenzione a chi desidera acquistare la prima casa ma da solo non è in condizione di farlo”. Bonus di 25 mila euro (30 mila per le aree del sisma) per l’acquisto di uno tra i 4.405 alloggi disponibili su tutto il territorio regionale.

Ultimi giorni per partecipare al bando “Una casa per le giovani coppie e altri nuclei famigliari” e ottenere un contributo per l’acquisto della prima casa. Regione Emilia-Romagna mette a disposizione un bonus di 25 mila euro – che salgono a 30 mila per i residenti nei Comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 – per l’acquisto di uno tra i 4.405 alloggi disponibili su tutto il territorio regionale. Lo stanziamento complessivo per finanziare gli interventi del programma è di 12 milioni di euro.
C’è tempo fino al 27 novembre per sottoscrivere il pre-contratto e prepararsi al click day del 1 dicembre, data in cui i nuclei potranno presentare online la domanda di contributo compilando la modulistica già resa disponibile sul sito http://territorio.regione.emilia-romagna.it, nel box “Selezione nuclei”.
Sullo stesso sito è anche possibile consultare la guida alla compilazione. La graduatoria degli ammessi al contributo sarà pubblicata il 23 dicembre 2015.
“Nell’ambito del Piano pluriennale sulle politiche abitative – ha sottolineato la vicepresidente della Regione Elisabetta Gualmini, titolare anche della delega alle Politiche abitative – abbiamo dedicato grande attenzione anche a chi desidera acquistare la prima casa, ma da solo non è in condizione di farlo. Il bando per le giovani coppie, giunto alla sua nona edizione, pensa a chi desidera rendere concreti i propri progetti di vita, chi vuole costruirsi una famiglia e magari avere dei figli e di chi, semplicemente, vuole affrontare il futuro sganciandosi dal nucleo familiare di origine”.
“Si tratta – conclude la vicepresidente –anche di un importante stimolo all’economia che potrà, così speriamo, rendere un po’ più dinamico il mercato delle abitazioni. La Regione, col Piano pluriennale ha deliberatamente voluto affrontare tutti i settori della filiera dell’abitare e tutti i soggetti coinvolti, dai piccoli proprietari, agli inquilini, dai giovani che si affacciano sul mercato della prima casa, alle persone a rischio di sfratto e in condizioni di grave disagio.”
La campagna Accasiamoci a sostegno del bando, in chiusura in questi giorni, è stata promossa sul web, sui social network e in alcuni luoghi a grande frequentazione in Emilia-Romagna, tra cui la rete degli URP dei comuni capoluogo.
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web dedicato http://www.accasiamoci-emilia-romagna.it.
Possono partecipare al bando: giovani coppie (si intendono nuclei costituiti da coniugi, da nubendi, da conviventi more uxorio nel medesimo stato di famiglia anagrafico o da persone intenzionate a convivere more uxorio, in cui almeno uno dei due componenti la coppia non abbia compiuto 40 anni); nuclei monoparentali (si intendono i nuclei costituiti da un solo genitore che abbia non più di 45 anni di età con uno o più figli coresidenti e fiscalmente a carico); nuclei numerosi (si intendono i nuclei nei quali almeno uno dei due genitori non abbia più di 45 anni di età e nei quali siano presenti almeno tre figli coresidenti e fiscalmente a carico, dei quali almeno uno minore di anni 18); nuclei sottoposti a procedure di rilascio dell’alloggio per ragioni diverse dalla morosità; nuclei assegnatari di un alloggio di edilizia residenziale pubblica per i quali sia stata dichiarata la decadenza per superamento dei limiti di reddito; persone singole (si intendono nuclei costituiti da un solo componente che non abbia compiuto 40 anni di età, oppure che sono anagraficamente inseriti in altro nucleo familiare purché vadano a costituire un nucleo familiare a se stante).
Gli alloggi verranno venduti con la formula del “patto di futura vendita”: le giovani coppie diventeranno effettivamente proprietarie dell’immobile dopo un periodo di locazione o assegnazione in godimento di massimo 4 anni. Le parti possono concordare la compravendita dell’alloggio anche prima della scadenza dei 4 anni di locazione o di assegnazione in godimento.
È possibile chiedere chiarimenti alla Regione, alla mail bandogiovanicoppie@regione.emilia-romagna.it o agli altri recapiti indicati sul sito http://www.accasiamoci-emilia-romagna.it.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi