Home > PARTITI & DINTORNI > Accoglienza e Immigrazione
movimento5stelle
Tempo di lettura: 12 minuti

Da Movimento 5 Stelle

Tutto il nostro paese e le amministrazioni locali stanno vivendo un momento estremamente cruciale e delicato per quanto riguarda l’immigrazione e l’accoglienza di migranti e richiedenti asilo.
Nel momento in cui praticamente tutti i paesi europei chiudono le porte in faccia all’Italia (alla faccia della solidarietà), in cui le ONG che raccolgono migranti e li sbarcano in italia hanno le lenti dell’Europa puntate sulle loro procedure di salvataggio e bilanci (anche su sollecitazione del M5S), un indiscusso gigante del mecenatismo mondiale, Bill Gates, che ha fatto investire miliardi di dollari in Africa per progetti di sviluppo, afferma senza mezzi termini che sarebbe meglio scoraggiare il più possibile l’arrivo di migranti in Europa e privilegiare gli aiuti nei paesi di provenienza dei migranti.
Lo stesso momento in cui le strutture di accoglienza del territorio ferrarese sono al collasso, al punto che autorità istituzionali prospettano soluzioni d’imperio di accoglienza logistica di migranti in campi con tendopoli o container o casette, anche vicino a strutture turistiche.
Bene, è in questo delicato contesto che matura una proposta del M5S da discutere in consiglio comunale mirante a far rispettare alle autorità preposte le quote del tasso di accoglienza previsto dal Piano nazionale di riparto dei richiedenti asilo concordato tra l’ANCI ed il Ministero dell’Interno, il quale prevede indicativamente 2,5 posti per ogni 1.000 abitanti,. Un Ordine del Giorno (primo firmatorio consigliere Claudio Fochi ) che esorta la Giunta e il sindaco a farsi portavoce nei confronti della Prefettura e del Ministero dell´Interno di una richiesta di piena osservanza della clausola di salvaguardia che rende esenti i Comuni come Ferrara, che hanno manifestato la volontá di aderire alla Rete Sprar, dall´attivazione di ulteriori forme di accoglienza (direttiva del Ministero dell´Interno dell´11ottobre 2016), in particolare di carattere straordinario.
Sull’onda anche di ciò che i parlamentari europei del M5S stanno facendo in Europa, dove hanno fatto approvare al Parlamento Europeo un emendamento che di fatto certifica l’ingiustificata esiguità degli aiuti economici europei al nostro paese per la gestione della crisi migranti. In tale atto si riconosce da parte dell’AMIF (Asylum, Migration and Integration Fund) un finanziamento al nostro paese per copertura spese relativa ai migranti che copre solo il 3% delle spese effettivamente sostenute. Il 97% ce li ha messi lo stato.
I motivi per cui il M5S ferrarese chiede una limitazione delle accoglienze straordinarie (nel pieno rispetto dell’accordo fra Viminale e ANCI – che però riteniamo non sia rispettato) sono molteplici . Fra i più importanti, come risulta chiaramente espresso nell’OdG citato, un certificato collasso (come dichiarato da ASP) delle strutture ricettive , una situazione economica e occupazionale del nostro territorio estremamente critica, una sofferenza acclarata delle Forze dell’Ordine nel gestire, con organici in calo, la sicurezza di un territorio con sempre più richiedenti asilo che non possono trovare uno sbocco occupazionale, soprattutto in quartieri ad alta concentrazione di migranti dove esistono oggettivi e diffusi problemi di criminalità, che non stiamo a citare poiché già tristemente noti e segnalati, anche dal Sindaco.
Aggiungiamo anche la spada di Damocle di cui sentiamo parlare in questi giorni di ipotesi di accoglienza in “tendopoli” o in “container”, soluzioni che, sotto il profilo di civiltà e di rispetto della dignità dell’uomo stesso non possono essere considerate accettabili (sebbene temporanee) poiché lesive degli stessi diritti dei migranti che hanno il diritto di essere ospitati in strutture logistiche adeguate. Tenendo conto anche che tali strutture presentano inoltre alto rischio sociale nonché il rischio di accentuare l’insofferenza e l’intolleranza della popolazione locale per uno strumento che sarebbe squalificante sia per persone accolte che residenti. Si aggiunga inoltre che, qualora sistemate in campi vicino a strutture di ricezione turistica (agriturismi) non farebbero certo bene ad un settore così vitale dell’economia del nostro territorio, il turismo, che da solo contribuisce per il 12% di PIL locale.
Abbiamo già una trentina di sedicenti profughi all’Ostello Comunale nonché in altre strutture ricettive cittadine (Hotel Astra, hotel della Lupa) . Siamo sicuri che proseguire in tale direzione sia la soluzione più adeguata?
In un momento in cui i “verdi” e progressisti austriaci minacciano carri armati al Brennero, in cui i progressisti Macronisti in marcia (idoli del PD) ribadiscono di volere accogliere solo veri profughi e respingono tutti i migranti economici, è nostro dovere chiedere almeno il rispetto degli accordi sottoscritti fra Governo e Sindaci, tristemente consci di operare in un contesto di completo e colpevole fallimento delle politiche migratorie del nostro paese, di fatto marginalizzato e umiliato, come la Grecia, per colpa di una classe politica inetta e perniciosa, incapace di schierarsi dalla parte dei cittadini.

Ferrara, 7 luglio 2017

Al Presidente del Consiglio Comunale di Ferrara

Oggetto: Ordine del Giorno su rispetto della quota accoglienza migranti
Premesso
Che al 13 giugno 2017, secondo dati ufficiali relativi all’accoglienza di richiedenti asilo comunicati dal Ministero dell’Interno, per quanto riguarda il territorio del comune di Ferrara, figuravano 736 presenze (666 afferenti ad accoglienza straordinaria (CAS) , 70 afferenti a programma SPRAR ) che corrispondono ad una percentuale del 5.53 per mille della popolazione residente.

Osservato
Che nella settimana successiva a tali rilevazioni, in particolare il 28 e 29 giugno sono sbarcati sulle nostre coste circa 12 mila migranti dei quali almeno una 40ina verranno presumibilmente accolti localmente nelle prossime due settimane.
Che tale fenomeno migratorio è valutato con stime di proiezione in notevole aumento sia per le buone condizioni climatiche estive e del mare sia per il permanere delle cause e della tipologia di tali spostamenti migratori, ulteriormente incentivato negli ultimi tempi da apporti di navi e imbarcazioni di salvataggio in mare gestite da organizzazioni Onlus di diverse nazionalità.
Per cui è presumibile che ciò avrà sensibili ripercussioni nella ripartizione dei migranti a livello locale

Visti
• La Direttiva della Ripartizione dei Richiedenti Asilo (11 ottobre 2016) firmata dall’ex ministro dell’Interno Angelino Alfano
• Il Piano di ripartizione su richiedenti asilo e rifugiati discusso fra il Governo e ANCI che prevede l’accoglienza di una quota di 2,5 migranti per mille abitanti (per i comuni di dimensione media nei quali rientra il comune di Ferrara)

Preso atto
Che tale documento introduce una “clausola di salvaguardia” che rende esenti – recita il testo – i Comuni che appartengono alla rete Sprar, o che abbiano già formalmente manifestato la volontà di aderirvi (come il Comune di Ferrara, n.d.r.) dall’attivazione di ulteriori forme di accoglienza”.

Considerato
Che il recente aumentato afflusso di migranti – destinato ad incrementare significativamente – sta creando notevoli problemi di accoglienza alle strutture locali poste sotto pressione, in tali termini che in questi giorni sentiamo ventilare da figure istituzionali le ipotesi di accoglienza in “tendopoli” o in “container”, soluzioni che, sotto il profilo di civiltà e di rispetto della dignità dell’uomo stesso non possono essere considerate accettabili (sebbene temporanee) poiché lesive degli stessi diritti dei migranti che hanno il diritto di essere ospitati in strutture logistiche adeguate. Che tali strutture presentano inoltre alto rischio sociale nonché il rischio di accentuare l’insofferenza e l’intolleranza della popolazione locale per uno strumento che sarebbe squalificante sia per persone accolte che residenti.

Considerato altresì
Che solo il 3% dei richiedenti asilo, mediamente, ha ottenuto lo status di rifugiato politico, secondo dati resi noti dall’ASP (Centro per i servizi alla Persona) riguardo ai primi sei mesi dell’anno scorso (2016) (sette stranieri a cui sono stati riconosciuti i requisiti per l’asilo politico a fronte di 281 casi esaminati). Le domande respinte sono state 91 mentre i rimanenti migranti sono suddivisi nelle categorie di protezione sussidiaria (56 casi) e protezione per motivi umanitari (127 casi).

Tenuto conto
Che le possibilità di inserire flussi ingenti di migranti e richiedenti asilo in percorsi lavorativi si assottigliano sempre più visto che il tasso di disoccupazione giovanile a livello nazionale si attesta al 37%, in aumento dell’1,8% (solo nel mese di maggio 2017 ci sono stati 51 mila posti di lavoro in meno rispetto ad aprile 2017)

Tenuto conto altresì
Che a livello europeo la politica di ricollocamento dei migranti si sta rivelando fallimentare. Infatti al 30 giugno 2017 , su 34.950 ricollocamenti previsti dall’Italia verso altri paesi i ricollocamenti sono stati 7396. In Austria, addirittura su 462 ricollocamenti previsti entro il mese di settembre ne sono stati ricollocati “ZERO” (con 16 domande in corso di disamina)

Ricordato
Che Emmanuel Macron, presidente Francese (di una nazione confinante con la nostra ) non solo acconsente al respingimento dei migranti alla frontiera di Ventimiglia ma dichiara pubblicamente che la Francia non ospiterà i cosiddetti migranti economici e si limiterà ad accogliere solo i rifugiati politici

Ricordato altresì
Che in molti altri paesi europei confinanti e non (Francia, Spagna, Austria, Germania, Austria, Svizzera, Portogallo, paesi scandinavi, paesi balcanici, per citarne solo alcuni ), come è stato anche recentemente ribadito all’incontro dei ministri dell’Interno a Tallin (6 luglio 2017) adottano una politica di accoglienza che in pratica chiude le frontiere ai migranti e se ne guardano bene dal derogare in solidarietà – per chi potrebbe farlo – al trattato di Dublino, rifiutandosi di accettare di aprire nuovi porti, ciò che di fatto condanna l’Italia ad un flusso di migranti ormai giudicato incompatibile con le sue capacità ricettive

Constatato altresì
Che il Parlamento Europeo ha approvato un emendamento del gruppo Efdd – MoVimento 5 Stelle, al mandato per il trilogo del bilancio 2018, dove riconosce un finanziamento al nostro paese per copertura spese relativa ai migranti che copre solo il 3% delle spese effettivamente sostenute e che quindi lo Stato italiano (con i soldi delle tasse dei cittadini) ha finanziato (si spera non a fondo perduto) il 97% delle spese sostenute per la gestione della crisi migratoria e che ciò non può non aver avuto un impatto sul trasferimento di fondi alle amministrazioni locali (salvo future integrazioni a livello nazionale da parte dell’AMIF). Infatti:
Il Parlamento europeo “si rammarica – recita l’emendamento approvato dall’aula – dell’assenza finora di un sistema efficace di redistribuzione, che ha provocato un carico disomogeneo per alcuni Stati membri, segnatamente Italia e Grecia; ricorda che nel 2016 sono arrivati nell’Unione europea 361.678 rifugiati e migranti, di cui 181.405 in Italia e 173.447 in Grecia, e che finora nel 2017 l’Italia ha già accolto l’85% dei rifugiati e migranti arrivati nell’Unione europea; si rammarica che l’Italia abbia ricevuto finora solo 147,6 milioni di euro a titolo dell’AMIF (Asylum, Migration and Integration Fund) , importo che copre solamente il 3% delle spese totali sostenute dal paese per la gestione della crisi migratoria”.

Convinti
Che confondere la VOLONTA’ di accoglienza con la CAPACITA’ di accoglienza possa costituire una pericolosa miopia potenzialmente foriera di acuire criticità di tipo economico, sociale ed occupazionale presenti sul territorio del comune di Ferrara che vanno ben oltre l’aspetto logistico, poiché nel nostro territorio infatti persiste un elevato tasso di disoccupazione giovanile, il più alto ricorso alla cassa integrazione ordinaria ( per il quale la nostra città detiene il primato regionale) , e di conseguenza un tessuto economico che in prospettiva potrebbe non offrire sbocchi occupazionali a giovani migranti previsti in forte aumento.

Consapevoli inoltre
Che un afflusso sempre più incrementale di migranti e richiedenti asilo contribuisce a mettere sotto pressione le Forze dell’Ordine che lamentano cali di organici (come si evince da dichiarazioni dei rappresentanti sindacali delle stesse rilasciate alle istituzioni nei giorni scorsi durante incontri con Prefetto, Questore e Sindaco) non solo per la difficoltà di espletare le procedure di identificazione degli stranieri interpellati ma anche per scarsità di personale necessario al monitoraggio del territorio, in particolare di alcune zone dove si concentrano grandi percentuali di immigrati e richiedenti asilo)

Che il sistema di accoglienza a Ferrara è ormai saturo, come ha dichiarato la dirigenza ASP

Impegniamo sindaco e giunta
• A farsi portavoce presso le autorità competenti, per tutti i motivi espressi nei paragrafi precedenti al fine di evitare la concentrazione di un alto numero di migranti, per prolungati periodi di tempo, in strutture che possano determinare situazioni di insofferenza, malessere e tensioni sia tra migranti stessi sia nella popolazione ospitante e di optare per l´accoglienza di quote di migranti proporzionale al numero di abitanti secondo i criteri stabiliti dal Piano nazionale di riparto dei richiedenti asilo concordato tra l’ANCI ed il Ministero dell’Interno, il quale prevede indicativamente 2,5 posti per ogni 1.000 abitanti, proporzione già abbondantemente superata nel nostro territorio.

• A farsi portavoce nei confronti della Prefettura e del Ministero dell´Interno di una richiesta di piena osservanza della clausola di salvaguardia che rende esenti i Comuni come Ferrara, che hanno manifestato la volontá di aderire alla Rete Sprar, dall´attivazione di ulteriori forme di accoglienza (direttiva del Ministero dell´Interno dell´11ottobre 2016), in particolare di carattere straordinario, e di una dichiarazione ufficiale che evidenzi come le strutture presenti sul nostro territorio non siano in grado di fornire un livello di accoglienza logistica accettabile e dignitosa per i migranti (dal momento che si parla di tendopoli e container) e compatibile con la situazione economico, sociale, occupazionale e di pubblica sicurezza del territorio comunale.

Il Consigliere comunale M5S
Claudio Fochi

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi