Home > ACCORDI - il brano della settimana > ACCORDI
A qualcuno piace caldo. A me no. .
Il brano di oggi…

ACCORDI
A qualcuno piace caldo. A me no. .
Il brano di oggi…

Ogni giorno un brano intonato alla cronaca selezionato e commentato dalla redazione di Radio Strike.

[per ascoltarlo cliccare sul titolo]

Rake di Townes Van Zandt.

Oggi è domenica, di nuovo.
E c’è un caldo orrendo, di nuovo.
Sui giornali si parla di “emergenza caldo” e “BOLLINO ROSSO”.
Non lo so, ma non ne parlano ogni anno?
Quest’anno però grosse novità: mancano i soliti mantra come “bere molta acqua”, “mangiare molta frutta”, “adotta un anziano e portalo al supermercato”.
Mi viene voglia di prendere un megafono, piazzarlo sul balcone e urlare quei consigli saggi con il fervore di Totò quando faceva quello sketch.
Dicono che il picco dovrebbe arrivare proprio oggi e “un nuovo picco” arriverà la settimana prossima.
Boh.
Alcuni, anche alla luce di queste piogge blitz mi parlano di una “tropicalizzazione del clima”.
Non so cosa pensare.
Mi sa che fino a quando non vedo i tucani e le scimmiette preferisco non pensarci.
L’unica cosa che posso fare è soffrire più o meno in silenzio.
Per fortuna ho i miei rimedi non “della nonna” ma “da nonna” proprio.
La mia lista di dischi assorbicaldo.
Fanno come le piantine con quella storia dell’anidride carbonica e dell’ossigeno.
Quindi ecco una piantina per oggi.

Selezione e commento di Andrea Pavanello, ex DoAs TheBirds, musicista, dj, pasticcione, capo della Seitan! Records e autore di “Carta Bianca” in onda su Radio Strike a orari reperibili in giorni reperibili SOLO consultando il calendario patafisico. xoxo <3 Radio Strike è un progetto per una radio web libera, aperta ed autogestita che dia voce a chi ne ha meno. La web radio, nel nostro mondo sempre più mediatizzato, diventa uno strumento di grande potenza espressiva, raggiungendo immediatamente chiunque abbia una connessione internet.
Un ulteriore punto di forza, forse meno evidente ma non meno importante, è la capacità di far convergere e partecipare ad un progetto le eterogenee singolarità che compongono il tessuto cittadino di Ferrara: lavoratori e precari, studenti universitari e medi, migranti, potranno trovare nella radio uno spazio vivo dove portare le proprie istanze e farsi contaminare da quelle degli altri. Non un contenitore da riempire, ma uno spazio sociale che prende vita a partire dalle energie che si autorganizzano attorno ad esso.

radio@radiostrike.info
www.radiostrike.org

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Rosa d’autunno
Suoni d’estate
IL DOSSIER SETTIMANALE
Accordi: la musica da ascoltare… e da leggere
Dentro l’ufficio collocamento dell’Isis

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi