17 Luglio 2015

ACCORDI
Chiedi chi erano gli Stooges.
Il brano di oggi…

Radio Strike

Tempo di lettura: 5 minuti

Ogni giorno un brano intonato alla cronaca selezionato e commentato dalla redazione di Radio Strike.

[per ascoltarlo cliccare sul titolo]

TV Eye The Stooges.

Oggi compie gli anni la Merkel e per quanto mi riguarda può anche esplodere la Quarta Guerra Mondiale, perché la Terza ce la stiamo vivendo, ma senza la fionda di cui parlava Einstein.
Io non avrò comunque orecchie perché 17 luglio per me vuol dire una cosa sola: Ron Asheton.
Nasce infatti il 17 luglio 1948, l’uomo che per me é LA chitarra elettrica.
Adesso persino Rolling Stone è sceso dal pero e lo piazza al numero 60 della “Classifica dei Migliori Chitarristi”, ma quando nel 1969 lui e gli Stooges se ne uscirono col primo album prodotto da John Cale, Rolling Stone prese una delle sue tantissime cantonate definendo gli Stooges “sballati scioperati”.
Era un’epoca in cui andavano le false finezze, se così le possiamo chiamare, ovvero assoli, assoli e assoli.
Di chitarra, di batteria, di pernacchie, di tutto.
Assoli ovunque, attaccati lì con lo sputo. Mi sa che anche il commesso al supermercato faceva gli assoli per battere gli scontrini.
E gli assoli possono essere una figata, sì, ma non sono per tutti. O almeno, fare degli assoli non è timbrare il cartellino, come sembrava d’obbligo allora, per dio.
Gli accordoni apparentemente semplici di Ron Asheton furono capiti da pochi, un po’ come accadde con la banana dei Velvet Underground.
Il vecchio Lester Bangs, però, capì al volo sottolineando anche come gli Stooges fossero la prima band americana a dichiarare l’influenza di quel disco con la banana in copertina.
Ascoltando Asheton sul primo disco si può intuire che suonasse la chitarra da neanche due anni.
Ma è in quei momenti di “inesperienza” e “incertezza”, che, soprattutto nel r’n’r, esce il meglio.
Perché ti trovi costretto a trovare il TUO modo e, come sottolineava Bangs, “This is possibly the ultimate rock ‘n’ roll story, because rock is mainly about beginnings, about youth and uncertainty and growing through and out of them.”.
Lo stile di Ron Asheton può sembrare sì grossolano, ma anche ben lontano da tutto ciò che alla lunga trasformò gran parte del rock’n’roll in paccottiglia.
Un pezzo come I Wanna Be Your Dog però brilla di un minimalismo e di una sobrietà molto più vicine a certa musica indiana e a certi compositori minimalisti che alla ginnastica da manico che tanto andava nel 1969.
Anticipa pure roba come Glenn Branca e, in campo strettamente r’n’r, praticamente TUTTO quello che venne dopo.
Dai Ramones che gli devono tutto, ai Joy Division, ai Sonic Youth e ai Nirvana, fino a certa drone music in cui si è infangato il metal da un po’ di anni a ‘sta parte.
Asheton assimilò la lezione di Hendrix, l’eleganza dei Doors e il rumorismo dei primi Velvet facendo confluire il tutto in uno stile davvero suo, figlio anche delle sue orecchie sottili da cultore del jazz.
E infatti è in Fun House, l’album successivo, che il tutto esplode in una sua crescita enorme e in uno stile ancora più aperto e libero ma sempre fedele a quel suo “less is more” e lontano anni luce dai dozzinali numeri circensi di cui si diceva prima.
C’è di mezzo una divertente storia di droga ma se anche uno come Miles Davis, proprio nel 1970, arrivò a dire “gli Stooges hanno una grande anima”, io dico che non c’è altro da aggiungere.
Purtroppo gli Stooges non durarono perché la loro etichetta li silurò quell’anno stesso a causa dei soliti motivi: i ragazzi non facevano girare un granché di soldi.
Il bubbone però nel frattempo era esploso e nel 1977 la cosa arrivò anche alle orecchie dei sordi.
Nel 2004 circa, fortunatamente, gli Stooges si riformarono per una delle poche reunion sensate.
Iggy ormai era il Papa del punk o “uno dei grandi estremisti della musica americana”, come disse Simon Reynolds. Ron Asheton, invece, non se la passava molto bene a suonare per pochi e a vivacchiare a casa della madre con gatti e birrette.
Ad ogni modo, gli Stooges ho avuto la fortuna di vederli nel 2006, dopo due giorni senza dormire, bevendo solo acqua e con un panino in corpo.
Era il primo concerto a cui andavo, un superfestival di quelli molto caotici.
Suonavano anche i Damned ma io ero lì solo per gli Stooges.
E alla fine fu un’epifania e, se fu un’epifania quella, non oso immaginare cosa potesse essere un loro concerto nel 1970.
Ron Asheton era irriconoscibile, sembrava Peter Griffin, come mi disse un amico che era lì davanti con me.
Ma dio, quando ha cacciato il primo accordo… la sua chitarra era ancora QUELLA.
Io ho imparato a suonare sui suoi pezzi e ancora oggi quando me li risuono, ogni volta in quegli accordi scopro ancora cose nuove.
Soprattutto quando mi butto su Fun House che, come dichiarò una volta Iggy, non è nient’altro che “variations on a theme by Ron”.
Ecco quindi una di quelle variazioni, con tanto amore e gratitudine eterna a un uomo che, purtroppo, fu costretto a giocare le proprie carte nell’età d’oro dei bari più cialtroni.

Selezione e commento di Andrea Pavanello, ex DoAs TheBirds, musicista, dj, pasticcione, capo della Seitan! Records e autore di “Carta Bianca” in onda su Radio Strike a orari reperibili in giorni reperibili SOLO consultando il calendario patafisico. xoxo <3 Radio Strike è un progetto per una radio web libera, aperta ed autogestita che dia voce a chi ne ha meno. La web radio, nel nostro mondo sempre più mediatizzato, diventa uno strumento di grande potenza espressiva, raggiungendo immediatamente chiunque abbia una connessione internet.
Un ulteriore punto di forza, forse meno evidente ma non meno importante, è la capacità di far convergere e partecipare ad un progetto le eterogenee singolarità che compongono il tessuto cittadino di Ferrara: lavoratori e precari, studenti universitari e medi, migranti, potranno trovare nella radio uno spazio vivo dove portare le proprie istanze e farsi contaminare da quelle degli altri. Non un contenitore da riempire, ma uno spazio sociale che prende vita a partire dalle energie che si autorganizzano attorno ad esso.

radio@radiostrike.info
www.radiostrike.org



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Radio Strike

Radio Strike

Ti potrebbe interessare:

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi