COMUNICATI STAMPA
Home > ACCORDI - il brano della settimana > ACCORDI
Il giorno dopo il crollo.
Il brano musicale di oggi

ACCORDI
Il giorno dopo il crollo.
Il brano musicale di oggi

muro-berlino
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il crollo del Muro di Berlino mette fine a un grande inganno: il comunismo secondo Stalin e i suoi epigoni. Una mostro che, in patria, prima Krusciov e poi Gorbaciov con ‘glasnost’ e ‘perestroika’ (trasparenza e riforme) avevano cercato di picconare.
Nell’autunno berlinese, crolla il falso mito e travolge ciò che aveva generato: ingiustizie, opportunismi, orrori. Ma sotto le macerie ideologiche restano anche sani ideali; quelli, per esempio, che l’eurocomunismo – di cui Enrico Berlinguer fu alfiere – aveva cercato di alimentare. Quelli dei movimenti di base, estranei agli appetiti e alle logiche del potere. Oggi resta il sogno dei resistenti, il bisogno non sopito di una comunità fondata su principi di partecipazione, uguaglianza, solidarietà…

Giorgio-Gaber

Giorgio Gaber

Giorgio Gaber, Qualcuno era comunista

[clicca sul titolo per ascoltare]

Ogni giorno un brano intonato a ciò che la giornata prospetta…

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Autumn Baby
Quel filo spinato che ci avvolge
mentre l’Europa delle parole va in fumo
disuguaglianza adolescenti
UNIVERSITÁ E MERITOCRAZIA:
disuguaglianza e competizione studentesca
IL DDL CONCORRENZA = PRIVATIZZAZIONI
Draghi all’assalto dei servizi pubblici locali.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi