Tempo di lettura: < 1 minuto

Un’icona della musica, una leggenda che ha vissuto da protagonista mezzo secolo del nostro tempo. Si è spento pochi giorni dopo il suo 69esimo compleanno David Bowie, una ricorrenza coincisa quest’anno con l’uscita del ventisettesimo album in studio del Duca Bianco: “Blackstar”. Una carriera incredibile la sua, costellata di successi e caratterizzata dall’insaziabile istinto di reinventarsi in molteplici modi e generi, senza mai essere banale e anzi, al contrario, venendo spesso acclamato anche da chi meno ci si poteva aspettare. Non è un caso infatti se Bowie viene oggi celebrato anche da testate come L’Osservatore Romano; così come non è un caso se la Germania, con un tweet tramite il profilo del ministero degli esteri, lo ringrazia per aver contribuito alla caduta del Muro di Berlino.
Ed è proprio così che ci piace ricordarlo, durante lo storico live berlinese del 1987, di fronte al Reichstag e a due passi dal Muro mentre saluta le migliaia di persone che, ad est, si accatastarono sui tetti per assistere allo spettacolo, e alla storia.

Ogni giorno un brano intonato a ciò che la giornata prospetta…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Il passato non torna
Shut up
Inaspettate come le opportunità
BORDO PAGINA
Dal 18 al 19 maggio ‘Officine Orbitali’, il Secondo Congresso Space Renaissance

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi