Home > IL QUOTIDIANO > Adiòs!
Tempo di lettura: < 1 minuto

Fidel Alejandro Castro Ruz, 13 agosto 1926 – 25 novembre 2016
L’ultimo simbolo vivente della grande utopia del novecento ci ha lasciati.
Saranno felici i nuovi fascisti (quelli vecchi sono già mummificati nelle loro casse da tempo), mentre ai nuovi capitalisti, di Fidel, non gliene è mai fregato una virgola…
E’ giunto il momento di consegnare questo simbolo alla storia, giusto così!
Fidel aveva vinto. Aveva sfidato il Gigante e l’aveva battuto in casa sua, in quell’America che non scherzava affatto (a costo di eliminare il suo stesso presidente).
E il Gigante si vendicò isolando Cuba dal resto del mondo per decenni. Ma i cubani dimostrarono di essere un grande popolo proprio grazie a questo, nonostante gli yankees e nonostante le manie di persecuzione dello stesso Fidel… Un popolo che non ha mai perso il vizio dell’allegria!

Ti potrebbe interessare:
buco nero
Guardare nel buco nero della guerra
per trovare la via della pace
LA VIGNETTA
Giornalisti scomodi
conferenza-di-yalta
Ragioni della pace, ragioni della guerra
LO STESSO GIORNO
Il sogno anarchico della Banda del Matese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi