Home > COMUNICATI STAMPA > Aeroporto, un volo lungo un secolo

Aeroporto, un volo lungo un secolo

Da: Circolo della Stampa Ferrara
Aerei ed alianti, incredibili record e coraggiosi piloti (ma non solo), saranno gli argomenti dell’incontro organizzato dal Circolo della Stampa giovedì 11 aprile nella sala conferenze dell’hotel Astra (viale Cavour 55, ore 21). Tema della serata sarà la straordinaria storia dell’aeroporto di Ferrara, dalla sua nascita (oltre cent’anni fa, durante il primo conflitto mondiale) fino ai giorni nostri: un racconto emozionante e ricco di avventure, come le imprese degli uomini e delle donne che ne sono stati protagonisti.
Al tavolo dei relatori un nutrito team di esperti, ricercatori e studiosi di storia dell’aviazione: Enrico Trevisani (Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara), Stefano Vita Finzi Zalman (presidente dell’aeroclub “Roberto Fabbri”), Donatella Papandrea (ASD Scuola di paracadutismo) e Simonetta Savino (vicepresidente del Circolo della Stampa).

La nascita e la crescente importanza, strategica e logistica, dell’aeroporto ferrarese durante e dopo la Grande Guerra, saranno al centro dell’intervento dello storico Enrico Trevisani, che parlerà delle due strutture aeronautiche realizzate tra il 1912 e il 1918: l’aeroscalo per dirigibili, (collocato dove ora c’è l’aeroporto cittadino) ed il campo di volo di Poggio Renatico. Da qui, il 2 novembre 1918, partirono i Caproni, per uno degli ultimi raid aerei del conflitto, sulle basi austriache di Latisana e Porto Sant’Andrea.

L’intervento di Simonetta Savino sarà invece dedicato a Laura Gaia (1920-1970), la più giovane aviatrice d’Italia. Questa intrepida ragazza, studentessa del liceo “Ludovico Ariosto”, ottenne infatti a soli 17 anni, il 15 maggio 1937, il brevetto “con le ali”, record che è tuttora imbattuto. Le vicende della sua vita, intrecciandosi con quelle del nostro Paese, offriranno alla relatrice, l’opportunità di ricostruire un periodo di fondamentale importanza nella storia italiana del Novecento.

Stefano Vita Finzi Zalman racconterà poi la storia dell’aeroclub, intitolato al ferrarese Roberto Fabbri (1896-1913), un altro dei giovanissimi pionieri della neonata aviazione italiana. Fabbri morì nel luglio del 1913 all’età di 17 anni, durante un volo sulle brughiere attorno Malpensa. La sua bella tomba celebrativa, scolpita da

Giovanni Pietro Ferrari, è ospitata nel piazzale antistante la Certosa. Vita Finzi Zalman spiegherà quindi come si diventa pilota, quali prospettive lavorative può dare oggi ai giovani un brevetto d’aviatore e quale potrebbe essere il futuro dell’aeroporto cittadino.

Romana di origine, dopo brillanti affermazioni ai campionati italiano, Donatella Papandrea ha fatto parte della squadra azzurra nella specialità “atterraggio di precisione”. E’ istruttrice della sezione paracadutisti ASD dell’aeroclub ed ha al suo attivo ben 2300 lanci. Giovedì sera parlerà della storia del paracadutismo a Ferrara, soffermandosi in particolare sulle attività della sua sezione.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi